pubblicità su FPmag

George Tatge, Cenci marroni, dal volume Il Colore del Caso. © George Tatge.George Tatge, Cenci marroni, dal volume Il Colore del Caso. © George Tatge.

I colori di George Tatge

Un modo di fotografare classico, nel procedimento e nel linguaggio, quello di George Tatge, da molti anni noto e apprezzato nel panorama fotografico italiano: nato a Istanbul nel 1952 da madre italiana e padre americano, trascorre i suoi primi anni in alcune città europee e mediorientali prima di trasferirsi a New York e poi, nel 1973, definitivamente in Italia. Ha sempre vissuto nella bellezza rinascimentale di Firenze e in quella paesaggistica dell’Umbria, in una scelta coerente con la sua innata eleganza interiore.

George Tatge, Bagni Roma, Livorno, 2019. © George Tatge.George Tatge, Bagni Roma, Livorno, 2019. © George Tatge.

Con determinata continuità ha fotografato paesaggi e scampoli di mondo con la sua macchina di grande formato, per riprese lente, in cui l’impostazione classica ‒ se vogliamo alla Alinari, azienda di cui non a caso è stato per molti anni direttore scientifico ‒ si sposa con una freschezza di linguaggio attento alle modificazioni del territorio, a quei dettagli che rivelano molto più di quanto possa apparire a una prima lettura di tipo estetico. E tutto questo lavoro è stato sempre realizzato scegliendo il bianco e nero secondo la grande lezione dei classici ‒ soprattutto americani ‒ del Novecento.
Questa scelta rigorosa e compatta, portata avanti per molti decenni, ha subito negli ultimi anni una svolta importante, da quando, a partire dal 2011, in seguito a una esperienza di fruizione artistica, è rimasto affascinato dal colore: si giunge così, alla fine del 2019, a una importante mostra, Il colore del Caso, a cura di Carlo Sisi, tenuta a Pistoia presso Palazzo Fabroni - Museo del Novecento e del Contemporaneo, che contempla un prezioso omonimo catalogo.

George Tatge, Orto periferico, Livorno, 2016. © George Tatge.George Tatge, Orto periferico, Livorno, 2016. © George Tatge.

La selezione delle fotografie del progetto è stata organizzata in diversi capitoli con titoli molto espliciti: Metaspazi, Apparizioni, Colore, Recinti e Superfici. Il mondo a colori di George Tatge rispecchia il suo rigore compositivo consolidato nella sua corposa esperienza in bianconero: i colori tendono al delicato, nessuna forzatura cromatica, a volte si ha quasi l’impressione che agisca su monocromi come nel caso del capitolo intitolato Colore dove questa peculiarità espressiva si concretizza nei mucchi o nelle balle di stracci raccolti e organizzati proprio per tipo di colore da una azienda per il riciclo. Scrive al proposito Nicoletta Leonardi in uno dei testi in catalogo: «Le immagini delle cataste (di cenci, ndr) […] colpiscono per la loro drammatica e al tempo stesso composta bellezza, e ci raccontano sommessamente il mondo reale attraverso uno sguardo malinconico, ricco di pietas verso gli oggetti d’uso quotidiano che lo popolano».

George Tatge, Muschio, 2014. © George Tatge.George Tatge, Muschio, 2014. © George Tatge.

Ma la stessa discrezione linguistica si riscontra nei paesaggi, sia quelli di ampio respiro ed esteticamente importanti che quelli minori, quotidiani, dove prevale il disordine e il caos del mondo. Così come il fotografo riesce a esaltare la bellezza materica delle superfici, dal muschio su una parete ai segni del tempo sugli intonaci.Una fotografia dunque, come scrivevo all’inizio, dove la lentezza e la complessità della ripresa in grande formato rispecchia esattamente una precisa esigenza linguistica orientata non sul versante estetizzante ma su quello di decifrazione del mondo. [ Pio Tarantini ]


George Tatge, Il Colore del Caso, Giunti Editore, Milano, 2019titolo: Il Colore del Caso
autore: George Tatge
testi: Carlo Sisi, Nicoletta Leonardi
formato: 14,5x21cm
pagine: 128
anno: 2019
edizioni: Giunti Editore
bookdesign:
ISBN: 978-88-098-9579-9
prezzo:
25,00 €
info: Giunti al punto | Hoepli








_ _ _


RISORSE INTERNE
◉ [ FPart ] FPart: la rubrica di Pio Tarantini
◉ [ FPmag 003 ] George Tatge | Italia metafisica
◉ [ post.cast ] George Tatge | L'arco Etrusco

RISORSE ESTERNE
George Tatge
Giunti Editore

pubblicità su FPmag

pubblicato in data 31-01-2021 in NOTIZIE / FPART

GeorgeTatge PioTarantini






altro in FPART



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright