pubblicità su FPmag

Pasquale Amendolagine, Santo Spirito, Bari. © Pasquale Amendolagine. Pasquale Amendolagine, Santo Spirito, Bari. © Pasquale Amendolagine.

Getting back

Tornare indietro per andare avanti: è il tormentone che stiamo vivendo in tutto il mondo alla ricerca di quei ritmi e abitudini che la diffusione della pandemia ha stravolto completamente. Nel campo fotografico in modo particolare si sono moltiplicate le iniziative di mobilitazione per indagare e riflettere su questo improvviso, grave problema di portata mondiale. Conferenze, incontri e dibattiti telematici sulla fotografia hanno coinvolto nel nostro Paese migliaia di fotografi, operatori e appassionati. E su questo tema sono inoltre tante le iniziative di tipo espositivo su cui si sta lavorando con l’obiettivo appunto di tentare di descrivere la vita ai tempi della pandemia.

Domenico Fioriello, Bitonto, BA. © Domenico Fioriellol. Domenico Fioriello, Bitonto, BA. © Domenico Fioriello.

Uno dei primi eventi espositivi pubblici si terrà, a partire dal 1 agosto, a Bisceglie, in Puglia ‒ regione che negli ultimi anni sta coagulando diversi vivaci gruppi operativi nel campo della divulgazione della fotografia d’autore ‒ dove il fotografo Giuseppe Fioriello ha ideato e organizzato una mostra collettiva, intitolata Getting back, selezionando le fotografie di 13 autori pugliesi di diverse generazioni e linguaggi.
Il tema del ritorno alla vita precedente alla pandemia è declinato soprattutto in rapporto alla gestione degli spazi quotidiani e del paesaggio, ma non mancano anche immagini più decisamente simboliche o concettuali.

@ Stefano Di Marco. © Stefano Di Marco.

Risulta difficile esaminare in questa sede il linguaggio di ogni singolo autore, mi limito a sottolineare la struttura generale della mostra che prevede la presentazione per ogni autore di tre fotografie organizzate in trittici predefiniti o per più generici accostamenti visivi, con l’eccezione di alcuni autori che hanno presentato cicli più ampi, a volte organizzati quasi in forma di collage o polittico su un’unica superficie, perché così richiedeva la narrazione del loro proprio progetto.
Soltanto per dare un’idea della molteplicità di linguaggi e di situazioni fotografate mi limito, tra le tante fotografie selezionate, a citarne alcune, chiedendo scusa agli altri autori che non riesco a citare.

Giuseppe Fiorello, Ritratto del musicista Vincenzo Mastropirro. © Giuseppe Fiorello. Giuseppe Fiorello, Ritratto del musicista Vincenzo Mastropirro. © Giuseppe Fiorello.

È di impianto decisamente documentario il ritratto del musicista Vincenzo Mastropirro nella fotografia del curatore Giuseppe Fioriello o il dittico di una mascherina e di un guanto di protezione abbandonati incivilmente sull’asfalto e ripresi ortogonalmente da Mauro Ieva. Sempre su un piano linguistico realistico-ambientale, ma rivolto a una dolente umanità, si pone la fotografia di Stefano Di Marco che riprende due anziani passeggeri tra i sedili di una carrozza ferroviaria, l’uomo addormentato con la testa riversa sul tavolino separatore. E poi ancora, in una fotografia di Francesco Mezzina, i visitatori di una antica residenza d’arte, distanziati e quasi smarriti nei loro volti coperti dalle mascherine, e distribuiti con sapienza visiva nelle sale del palazzo, come attori di una recita che avrebbero fatto volentieri a meno di dover recitare in quel modo.

Mauro Ieva, Ruv di Puglia, BA. © Mauro Ieva. Mauro Ieva, Ruvo di Puglia, BA. © Mauro Ieva.

Il tema del paesaggio antropomorfizzato è declinato in modo diverso da molti altri autori tra i quali Domenico Fioriello, con una intensa sequenza caratterizzata dai toni del bianco e di vuoti tanto suggestivi visivamente quanto inquietanti alla luce del tema della mostra.

Alessio Deluca, Sensazioni. © Alessio Deluca. Alessio Deluca, Sensazioni. © Alessio Deluca.

Su un piano completamente diverso, antirealistico o simbolico o apertamente concettuale, si collocano le fotografie di altri autori come nel dittico di Alessio Deluca dove un inquietante busto femminile nudo con la testa racchiusa in una scatola è affiancato a una pianta da balcone che con il suo verde rompe l’improbabile colore rosato che tutto pervade.

Francesco Mezzina, Camera dei Giganti, Palazzo Te, Mantova. © Francesco Mezzina. Francesco Mezzina, Camera dei Giganti, Palazzo Te, Mantova. © Francesco Mezzina.

Orientata alla speranza si pone anche un’immagine di Pasquale Amendolagine dove la parte superiore di un muro, colorata in bianco e azzurro e geometricamente ripresi in due quadrati affiancati, si staglia contro un intenso cielo azzurro solcato da nuvole.
Nel caso di questa mostra insomma si tratta di un progetto espositivo, a tema molto ben definito, che diventa l’occasione per presentare autori e fotografie che con linguaggi diversi e tutti ugualmente interessanti raccontano un pezzo della nostra storia privata e sociale attuale.[ Pio Tarantini ]

Getting back
Palazzo Tupputi Bisceglie, via Cardinale dell'Olio – Bisceglie BA
1 – 20 agosto 2020

orario: da lunedì a domenica, ore 19,00 – 21,00 | chiusa dal 14 al 16 agosto 2020
ingresso:
info: 340 2215793 | info@Domenico Fioriello
_ _


RISORSE INTERNE

◉[ FPart ] FPart: la rubrica di Pio Tarantini

RISORSE ESTERNE

Palazzo Tupputi

pubblicità su FPmag

pubblicato in data 28-07-2020 in NOTIZIE / FPART

PasqualeAmendolagine AlessioDeluca StefanoDiMarco DomenicoFioriello GiuseppeFioriello MauroIeva IvanLosapio FrancescoMezzina PatriziaRicco GiovanniRinaldi FedericaClaudiaSoldani DomenicoTattoli PioTar






altro in FPART



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright