1 / 3       Master Award, From There to Here. Immigration in the time of Fortress Europe di Giulio Piscitelli. Deserto del Sahara, frontiera libico-egiziana, 18 maggio 2014. Ottantacinque profughi, provenienti dal Sudan e diretti in Libia, attraversano il Sahara affrontando un viaggio di oltre tre giorni senza acqua né viveri. Nella zona non ci sono ONG o gruppi umanitari che possano aiutare i migranti che arrivano quasi quotidianamente dal deserto, spesso feriti o in condizioni di salute precarie. Il deserto del Sahara, che unisce l’Africa sub-sahariana ai paesi del Maghreb, è attraversato da immigrati, provenienti prevalentemente dall’Africa Orientale e in particolare dal Corno d’Africa. La traversata è affidata a organizzazioni criminali dedite al traffico di esseri umani. Durante il viaggio i passeggeri subiscono rapimenti a scopo estorsivo e violenze dalle varie milizie presenti in quei territori (Libia, Ciad, Sudan) e, talvolta, dagli stessi trafficanti. Secondo le stime del sito Fortress Europe almeno 1.594 persone hanno perso la vita attraversando il Sahara negli ultimi dieci anni. Uno dei principali punti di partenza di questo percorso sono i mercati di Khartoum, capitale del Sudan. © Giulio Piscitelli/Contrasto.

2 / 3       Spot Light Award, Section di Elena Anosova. L’intimo dell’uniforme ha una sola taglia. © Elena Anosova.

3 / 3       Short Story Award, Ludovicu di Mariano Silletti. La foto di Ludovicu, l’uomo scomparso. Accanto le attrezzature utilizzate per la ricerca. © Mariano Silletti

WRA Master Award: il vincitore è Giulio Piscitelli

Dopo il video annuncio dei vincitori del World.Report Award | Documenting Humanity dato dai coordinatori del Festival della Fotografia Etica, Alberto Prina e Aldo Mendichi, ecco le immagini nella nostra galleria e le motivazioni della giuria, composta da Lucy Conticello (Le Monde), Renata Ferri (RCS Mediagroup), Matthias Krug (Der Spiegel), Sandro Iovine (FPmag), Aldo Mendichi (Festival della Fotografia Etica), Emanuela Mirabelli (Marie Claire), Marco Pinna (National Geographic Italia) e Alberto Prina (Festival della Fotografia Etica).

Master Award: Giulio Piscitelli, From There to Here. Immigration in the time of Fortress Europe
«Il progetto From There to Here. Immigration in the time of Fortress Europe di Giulio Piscitelli, iniziato nel 2010 e tutt’ora in corso, testimonia la complessità del tema dei flussi migratori verso l’Europa. Documenta questa realtà prendendosi carico di ricostruire e ricordare l’ampiezza del panorama geografico, economico, sociale e politico in cui questo fenomeno storico di cruciale importanza si inserisce. Allarga la prospettiva, ripristinando una visione d’insieme che troppo spesso viene sacrificata per l’urgenza di coprire l’incessante cronaca quotidiana sugli esiti tragici dell’immigrazione. Il fotografo ci mostra tutte le tappe del viaggio dei migranti e riesce a restituirci con grande umanità la dimensione di odissea collettiva e individuale a cui queste persone vanno incontro».

Spot Light Award: Elena Anosova, Section
«Il progetto Section di Elena Anosova mostra donne condannate a scontare pene di varia lunghezza nelle prigioni siberiane e affronta il soggetto da un punto di vista originale e pieno di sensibilità. Invece di raccontare la vita quotidiana all’interno della struttura di detenzione, la fotografa sceglie di presentarci le detenute in ritratti singoli o a coppie, in cui lo spazio del carcere è ridotto al minimo, diventando un sfondo neutro. È come se la cornice del ritratto restituisse a queste donne un momento di sospensione dall’isolamento e dalla sorveglianza costante, un momento intimo, di raccoglimento con se stesse, al riparo dalla visibilità senza tregua a cui sono sottoposte. Le donne sono fotografate senza giudizio, con onestà e delicatezza, e si offrono all’osservatore nella loro umanità e vulnerabilità».

Short Story Award: Mariano Silletti, Ludovicu
«Un racconto che riesce a unire il mondo reale della cronaca ad un mondo lontano, fatto di terra, persone e luoghi nascosti. Un confine, una linea che il fotografo riesce a comunicare con una grande profondità di sguardo, che solo chi è personalmente coinvolto nella situazione riesce a esprimere. La ricerca di Ludovicu diviene la sottile linea visiva che unisce il territorio alle sue persone ed emozioni».

– – –

Giulio Piscitelli racconta a FPmag come è nata la foto – tratta dal lavoro From There to Here. Immigration in the time of Fortress Europe (premiato con il Master Award al World.Report Award | Documenting Humanity) – utilizzata per la copertina del catalogo del Visa pour l'Image 2015.
Il lancio del concorso

pubblicato in data 13-09-2015 in NOTIZIE / CONCORSI

FFE FFE2015 WorldReportAward GiulioPiscitelli ElenaAnosova MarianoSilletti






altro in CONCORSI



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright