Oliver Sacks (Londra 9 luglio 1933 – New York, 30 agosto 2015), neurologo e scrittore, fotografato nel 2009 al Brooklyn Book Festival. © Luigi Novi/Wikimedia Commons.

Ricordando Oliver Sacks

Oliver Sacks, noto neurologo e scrittore, è scomparso a New York all'età di 82 anni, al termine di una malattia incurabile che lo aveva colpito al fegato e della quale lo stesso Sacks aveva dato notizia al mondo in un articolo pubblicato dal New York Times il 19 febbraio 2015.
Nato a Londra da una famiglia ebraica di medici «molto consapevoli del Quarto Comandamento ("Ricordati del giorno di sabato per santificarlo")» Sacks ha raggiunto il successo presso il grande pubblico con libri come Risvegli (1973) e L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello (1985). FPmag vuole però ricordarlo riportando un brevissimo brano tratto dal volume L'isola dei senza colore (Adelphi), che dovrebbe far riflettere chiunque si occupi del mondo della visione e dell'immagine. Nel volume Sacks narra di due viaggi in Micronesia dove in alcune isole percentuali di popolazione eccezionalmente alte risultano affette da acromatopsia. Parte del viaggio viene condivisa con uno scienziato norvegese, Knut Nordby, anche lui affetto da acromatopsia.

«Knut era affascinato non solo dai maiali, ma anche dalla ricchezza della vegetazione, che vedeva forse più nitidamente di noi. Ai nostri occhi, dotati di una normale visione cromatica, al principio non appariva che una confusione di verdi, mentre per Knut era una polifonia di luminosità, tonalità, forme e tessiture facilmente identificabili e distinguibili le une dalle altre. Ne parlò con James, e si senti confermare che anche per lui era lo stesso: nessuno di loro aveva la minima difficoltà a distinguere le piante dell'isola. James pensava che, in questo, la natura monocromatica del paesaggio li aiutasse: c'erano, sì, alcuni fiori e frutti rossi, sull'isola, e in certe condizioni di luce poteva capitare di non vederli; ma tutto il resto era verde.
"E le banane? – chiese Bob – riuscite a distinguere quelle gialle da quelle verdi?"
"Non sempre – rispose James – il verde pallido può sembrarmi uguale al giallo"
"E allora come fate a dire quando una banana è matura?"
Per tutta risposta, James si avvicinò a un banano e tornò portando a Bob un frutto scelto con attenzione, di un bel verde brillante.
Bob provò a sbucciarlo, e si accorse, sorpreso, che la buccia veniva via facilmente. Diede un piccolo morso d'assaggio, con circospezione; e subito divorò il resto.
"Vedi – spiegò James – noi semplicemente non ci basiamo sul colore. Guardiamo, tastiamo, odoriamo, sappiamo: prendiamo in considerazione tutto, mentre voi pensate solo al colore!» *

--------------------------------------------

* Oliver Sacks, L'isola dei senza colore, Adelphi, Milano, 2007; pag 55-56.

pubblicato in data 30-08-2015 in NOTIZIE / MELTINGPOT







altro in MELTINGPOT



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright