pubblicità su FPmag
Dalla mostra Sur Moi di Laurent Benaim. © Laurent Benaim1 / 2

Laurent Benaim: Sur moi

Tra le mostre che ho avuto modo di visitare ad Arles nell'ambito di Voies Off 2016, quella di Laurent Benaim è senz'altro la più coinvolgente sotto vari punti di vista. Le immagini di questo autore si caratterizzano infatti per una schiettezza, se così si può dire, che dislocata altrove difficilmente potrebbe essere intesa come aliena dalla pornografia. Eppure le immagini di Benaim, se possono di diritto collocarsi all'interno di un filone fortemente erotico, sono lontane mille miglia dall'esprimere quella volgarità che generalmente si accompagna a ciò che definiamo pornografia.

Dalla mostra Sur moi di Laurent Benaim. © Laurent Benaim. Dalla mostra Sur moi di Laurent Benaim. © Laurent Benaim.

A cosa si deve tutto questo? Beh, innanzitutto alla capacità tecnica dell'autore di esprimersi su un piano formale elevato quanto basta a spostare la lancetta che definisce i contenuti nell'area del fattore tematico Forma. Nell'ambito dei contesti esterni, l'evidente conoscenza di autori che hanno fatto la storia della fotografia emerge in modo inequivocabile, pur non mancando una rilettura in chiave personale da parte di Benaim. Il retroterra professionale nell'ambito della moda e della fotografia d'architettura rende poi le sue composizioni fortemente strutturate anche in contesti dove, tutto sommato, non sorprenderebbe un coinvolgimento dell'autore. Benaim è sì partecipe, ma al tempo stesso sufficientemente distaccato da mantenere le proprie composizioni all'interno di canoni dal rigore formale considerevole.

Dalla mostra Sur moi di Laurent Benaim. © Laurent Benaim. Dalla mostra Sur moi di Laurent Benaim. © Laurent Benaim.

Un altro elemento che contribuisce ad allentare da ogni sospetto di pornografia il lavoro di Laurent Benaim va ricercato nelle scelte fatte in fase di edizione. Le stampe sono state infatti realizzate con la tecnica della gomma bicromatata. Questa sottolineatura di tipo tecnico, che mediamente non mi appartiene, è fondamentale in termini di reazione dello spettatore, in quanto offre un impatto estetico che trascende i contenuti. L'aspetto inevitabilmente imperfetto della superficie provocato dalla stesa manuale allontana dall'algida perfezione che sono in grado di fornire i moderni apparecchi fotografici. Questo fa perdere al contenuto quell'aspetto prettamente descrittivo che confinerebbe le immagini in ambiti molto meno artistici.

Un dettaglio dell'allestimento della mostra Sur moi di Laurent Benaim. © Stefania Biamonti/FPmag. Un dettaglio dell'allestimento della mostra Sur moi di Laurent Benaim. © Stefania Biamonti/FPmag.

Inoltre, la scelta di stampare utilizzando il procedimento della gomma bicromatata conferisce alle immagini un aspetto che rimanda a un passato indefinito che amplifica il distacco dal loro contenuto puro e semplice. In questo modo, le fotografie vengono ricollocate in un'area indefinita in cui la percezione dello spettatore si focalizza più che sul referente sulle capacità dell'autore di mettere ordine, in quanto si trova davanti al suo obiettivo. Riuscendo peraltro a inserire, talvolta, una connotazione di delicatezza quasi poetica che è difficile riconoscere in lavori analoghi.
Altro aspetto interessante che emerge è la concezione della sessualità dell'autore, il quale la intende in tutte le sue sfumature, praticamente una sorta fulcro dell'esistenza di ogni essere vivente. Al di là della facilmente ipotizzabile correlazione con la prosecuzione delle specie, nella concezione di Benaim la sessualità sembra assurgere a cardine della vita e, al tempo stesso, divenire il tramite attraverso il quale raggiungere una percezione di sé in relazione con una dimensione più universale che, in qualche modo, rimanda a teorizzazioni orientali sulla natura dell'universo.

Un dettaglio dell'allestimento della mostra Sur moi di Laurent Benaim. © Stefania Biamonti/FPmag. Un dettaglio dell'allestimento della mostra Sur moi di Laurent Benaim. © Stefania Biamonti/FPmag.

L'allestimento di Sur moi è molto semplice, ma quanto mai evocativo delle atmosfere trattate nelle immagini di Laurenat Benaim. Le lenzuola stese lungo le pareti creano uno stacco funzionale tra lo sfondo e le stampe, ma nello stesso tempo rimandano a luoghi dove si consuma il piacere, soprattutto laddove creano ambienti separati all'interno dei quali le immagini sembrano prendere vita. Una soluzione al limite dell'ingenuo, ma non per questo meno efficace nell'effetto che produce. [ Sandro Iovine ]


- - -
SUR MOI
di Laurent Benaim
14, rue Réattu - Arles (Francia)
3 – 10 luglio 2016
orario: tutti i giorni, ore 10,30 - 20,00
ingresso: libero


– – –

[ RISORSE INTERNE ]
[ FPtag ] Voies Off 2016: il punto di vista della redazione
[ mostre ] Icone di un mondo interiore di Enrico Doria
[ video ] Il Prix Voies Off a Daesung Lee
[ portfolio ] Les Petites filles de Salvatore di Erika Vancouver

[ mostre ] Hubert Barre: luce, muri e graffiti
[ video ] Palermofoto al Voies Off
[ mostre ] La Sicilia e Marpessa
[ mostre ] Mariage en Enfer di Giada Connestari
[ concorsi ] Happiness On The Move 2015: il vincitore

[ RISORSE ESTERNE ]
Voies Off
Laurent Benaim


Myphotoporta.i  creare un sito di fotografia

pubblicità su FPmag

pubblicato in data 25-08-2016 in NOTIZIE / MOSTRE

VOIESOFF VOIESOFF2016 LaurentBenaim






altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright