The Art Incubator.

pubblicità su FPmag

Photo Duffy © Duffy Archive & The David Bowie Archive™ 1 / 11       Photo Duffy © Duffy Archive & The David Bowie Archive™

Photo Duffy © Duffy Archive & The David Bowie Archive™ 2 / 11       Photo Duffy © Duffy Archive & The David Bowie Archive™

Photo Duffy © Duffy Archive 3 / 11       Photo Duffy © Duffy Archive

Photo Duffy © Duffy Archive 4 / 11       Photo Duffy © Duffy Archive

Photo Duffy © Duffy Archive 5 / 11       Photo Duffy © Duffy Archive

Photo Duffy © Duffy Archive 6 / 11       Photo Duffy © Duffy Archive

Photo Duffy © Duffy Archive7 / 11       Photo Duffy © Duffy Archive

Photo Duffy © Duffy Archive 8 / 11       Photo Duffy © Duffy Archive

Photo Duffy © Duffy Archive 9 / 11       Photo Duffy © Duffy Archive

Photo Duffy © Duffy Archive 10 / 11       Photo Duffy © Duffy Archive

Photo Duffy © Duffy Archive 11 / 11       Photo Duffy © Duffy Archive

Brian Duffy e David Bowie

La galleria ONO Arte Contemporanea di Bologna ospita presso le proprie sale una mostra che si configura come l’atto conclusivo di un ampio progetto di ricerca e riscoperta dell'immagine di David Bowie partito nel 2012 attraverso una selezione di scatti provenienti dall'archivio di Brian Duffy, uno dei fotografi di spicco della cosiddetta Swinging London.

Intitolata Brian Duffy. David Bowie: Five Sessions, l'esposizione propone una nuova selezione di 25 fotografie realizzate da Duffy nel corso del tempo. Si tratta di immagini di vario tipo, selezionate appositamente per l'occasione da ONO Arte Contemporanea e dall’Archivio Duffy con l'obiettivo di rappresentare al meglio lo stretto rapporto professionale che intercorse tra Brian Duffy e David Bowie, e che imprimono una chiusura circolare al percorso espositivo quadriennale dedicato alla figura del poliedrico artista inglese morto il 10 gennaio 2016.

Brian Duffy incontra David Bowie nel 1972. «Il cantante – spiega il testo di presentazione dell'evento – all’epoca è in un periodo molto impegnativo della sua carriera: è appena uscito l’album Ziggy Stardust e David comincia ad apparire in tutte le più importanti reti televisive, cominciando a forgiare la sua nuova identità. Il suo manager, Tony Defries, sull’onda di questo successo, decide di rivedere la sua politica restrittiva nei confronti di Bowie, al quale, fino a quel momento, non era stato concesso di farsi fotografare da altri se non dal suo fotografo ufficiale dell’epoca, Mick Rock. Fu così che Brian Duffy conobbe Bowie, dando vita a un sodalizio professionale che ci ha regalato alcuni degli scatti più famosi del cantante». La collaborazione fra i due si fa infatti via via più intensa, tanto che sarà proprio Duffy a realizzare la cover del nuovo album dell'artista, Alladin Sane. «L’idea del fulmine fu di Bowie – continua il testo introduttivo – ma quella di metterglielo sul volto fu di Pierre Laroche e gli scatti di Duffy fecero il resto: era nata la star David Bowie. E oltre alla musica, anche il cinema comincia a fare capolino nella sua vita: e Brian Duffy, ancora una volta è presente sulla scena, inviato dall’art director del Sunday Times Michael Rand sul set de L’uomo che cadde sulla terra». Si susseguono molte altre collaborazioni e scatti, fino al 1980, anno dell'ultimo servizio realizzato dal fotografo e produttore inglese per quello che è ormai diventato uno degli artisti più famosi di sempre.

La selezione di immagini proposta dall'esposizione Brian Duffy. David Bowie: Five Sessions, patrocinata dal Comune di Bologna, non è inclusa nella grande retrospettiva intitolata David Bowie is (in esposizione presso il MAMbo di Bologna fino al 13 novembre 2016), e rappresenta perciò un’esclusiva italiana per la Ono Arte Contemporanea.

Brian Duffy. David Bowie: Five Sessions
ONO Arte Contemporanea, via Santa Margherita, 10 - Bologna
6 ottobre – 6 novembre 2016

orario: da martedì a giovedì, ore 10,00 - 13,00 e 15,30 - 20,00 | venerdì e sabato, ore 10,00 - 13,00 e 15,30 - 21,00 | domenica, ore 16,00 - 20,00 | lunedì chiuso
ingresso: gratuito
info: 051 262465
www.onoarte.com


_ _ _

[ RISORSE INTERNE ]
◉ [ mostre ] Bowie before Ziggy. Fotografie di Michael Putland
◉ [ mostre ] David Bowie “Heroes”: fotografie di Masayoshi Sukita

[ appunti critici ] Di musica e fotografia: Un album senza nome... e senza tempo
◉ [ mostre ] Semplicemente Frida

[ RISORSE ESTERNE ]
Ono Arte Contemporanea
Brian Duffy
David Bowie is

The Art Incubator
pubblicità su FPmag

pubblicato in data 19-10-2016 in NOTIZIE / MOSTRE

OnoArteContemporanea






altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright