1 / 12       Il tenente Francis Mulhair, originario di South Norwalk, Connecticut, cineoperatore in forza ai Signal Corps da 20 mesi. Viareggio, 1944. © National Archives And Records Administration.

2 / 12       Fotografo Luce, 1944. © Istituto Luce - Cinecittà.

3 / 12       Un soldato statunitense in posa con le cartucciere e il vessillo dell’Artiglieria. © National Archives And Records Administration.

4 / 12       Soccorritori dopo un bombardamento, 1943. © Istituto Luce - Cinecittà.

5 / 12       Sfollati italiani attendono in un punto di raccolta ad Anzio l’imbarco sulle navi che li porteranno a Napoli, giugno 1944. © National Archives And Records Administration.

6 / 12       Un casto bacio alla partenza per il fronte, sotto lo sguardo del ministro della propaganda di Salò, Ferdinando, Mezzasoma, 16 ottobre 1944. © Istituto Luce - Cinecittà.

7 / 12       La cantante e attrice Marlene Dietrich, di origine tedesca, tiene uno spettacolo per i soldati americani feriti in un ospedale militare sul fronte italiano, maggio 1944. © National Archives And Records Administration.

8 / 12       Soldato italiano in uniforme coloniale sul fronte africano, 1941-1942. © Istituto Luce - Cinecittà.

9 / 12       Un’ausiliaria americana conversa con alcune contadine in abito tradizionale di un villaggio dell’Appennino, Aiello del Sabato (Avellino), 1944. © National Archives And Records Administration.

10 / 12       Mussolini visita un soldato ferito, 1942. © Istituto Luce - Cinecittà.

11 / 12       Cessate le ostilità, soldati americani e civili italiani assistono a una gara motonautica, Gardone, Lago di Garda, luglio 1945. © National Archives And Records Administration.

12 / 12       Donne pregano tra le rovine della chiesa di S. Anna, Cagliari, febbraio 1943. © Istituto Luce – Cinecittà.

War is over!

È un confronto tra due diversi sguardi. L'occasione per osservare l’Italia della Liberazione attraverso le fotografie a colori scattate dai Signal Corps dell’esercito americano e le immagini in bianconero realizzate dai fotografi dell’Istituto Luce. War is over è infatti un'esposizione, curata da Gabriele D’Autilia ed Enrico Menduni, che riunisce circa 140 immagini per dar vita a una narrazione della guerra incentrata sui suoi protagonisti, italiani e americani, e sul confronto immediato tra due differenti punti di vista. Un percorso che, suddiviso in 10 sezioni tematiche, contempla non solo molte immagini, spesso inedite o precedentemente censurate, ma anche filmati d’epoca realizzati nel periodo compreso tra il luglio del 1943 e il 1946 (in cui compaiono anche alcuni video prodotti da grandi registi di Hollywood, integrati nei Signal Corps, e frammenti tratti dai cinegiornali del tempo) e una serie di fotografie che vedono come protagonista la città di Milano. «La Liberazione dell’Italia – si legge sul testo di presentazione dell'evento – durò due anni, dallo sbarco degli angloamericani in Sicilia nel luglio 1943 alla resa dei nazifascisti nell’aprile 1945. Questo processo lungo e doloroso fu messo straordinariamente in scena dai due opposti sguardi fotografici dei fotografi dell’Istituto Luce e dei Signal Corps dell’esercito americano. Sguardi che restituiscono due Italie e due diverse guerre e si osservano reciprocamente e che oggi sono messi a confronto e presentati per la prima volta al pubblico di Milano».
La mostra – che occuperà gli spazi di Forma Meravigli a Milano a partire dal 10 febbraio 2016 – è promossa e organizzata da Istituto Luce - Cinecittà e da Forma Meravigli, un’iniziativa di Fondazione Forma per la Fotografia realizzata in collaborazione con la Camera di Commercio di Milano e Contrasto, con il patrocinio dell’Università degli Studi Roma Tre e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. L'inaugurazione è prevista per mercoledì 10 febbraio 2016 alle 18,30.

War is over.
L’Italia della Liberazione nelle immagini dei U.S. Signal Corps e dell’Istituto Luce, 1943-1946
Forma Meravigli, via Meravigli, 5 - Milano
10 febbraio – 10 aprile 2016

orario: mercoledì, venerdì, sabato e domenica, ore 11,00 - 20,00 | giovedì, ore 12,00 - 23,00 | chiuso lunedì e martedì
ingresso: intero 8,00 € | ridotto 6,00 €
info: info@formafoto.it
www.formafoto.it


– – –

[ RISORSE INTERNE ]
◉ [ appunti critici ] They fight with cameras: video-intervista a Manuela Fugenzi e Nina Rosenblum
[ ongoing ] Furiarum Aera di Ugo Lucio Borga

[ RISORSE ESTERNE ]
Fondazione Forma per la Fotografia

pubblicità su FPmag

pubblicato in data 10-02-2016 in NOTIZIE / MOSTRE

FormaMeravigli






altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright