1 / 4       © E.F.E.O.
2 / 4       © E.F.E.O.
3 / 4       Durante la visita alla mostra A Journey into 20th Century Cambodia through EFEO Photographic Archives dell'École Française d’Extrême-Orient (E.F.E.O). © Stefania Biamonti/FPmag.
4 / 4       Durante la visita alla mostra A Journey into 20th Century Cambodia through EFEO Photographic Archives dell'École Française d’Extrême-Orient (E.F.E.O). © Stefania Biamonti/FPmag.

Un tuffo nel passato

Era il 1907 quando l'École Française d’Extrême-Orient (E.F.E.O) decise di inviare i suoi allievi migliori in Cambogia. L'obiettivo della missione – in linea con le finalità dell'Istituto, rifondato nel 1900 a Saigon sulle spoglie della French Mission archéologique d’Indochine – era studiare, documentare e salvaguardare le bellezze dello stupefacente sito archeologico di Angkor, oggi protetto dall'Unesco come Patrimonio dell'Umanità. I numerosi architetti, antropologi, epigrafisti e archeologi coinvolti cominciarono così un'approfondita esplorazione archeologica, che durò quasi settant'anni, e che permise all'E.F.E.O. di mettere insieme una documentazione straordianaria di quello che è oggi considerato il sito archeologico più importante della Cambogia, nonché uno dei più importanti e rinomati del Sud-est asiatico. Ma non solo. Quei giovani professionisti si rivelarono anche testimoni appassionati di oltre un quarto di secolo di storia cambogiana. Le loro immagini non mostrano soltanto statue, templi e il duro lavoro di restauro di quella città che, per lungo tempo, fu il centro religioso e politico dell'Impero Khmer, ma anche vedute, paesaggi bucolici e scene di vita quotidiana nelle campagne, in città e a corte. Le montagne di fotografie e le pile di documenti e appunti prodotti furono in seguito riordinati all'interno di archivi che, in vista dell'undicesima edizione dell'Angkor Photo Festival & Workshops, la curatrice e coordinatrice del programma Françoise Callier ha riaperto, studiato e analizzato con attenzione.
È nata così la mostra A Journey into 20th Century Cambodia through EFEO Photographic Archives, visibile fino al 5 gennaio 2016 presso la sede dell'E.F.E.O. di Siem Reap. Un percorso che consente, grazie al meticoloso lavoro di ricerca della Callier, di ammirare una vasta selezione di fotografie realizzate proprio nel corso di quella lunga spedizione. Immagini che permettono di osservare anche ciò che oggi non esiste più, ciò che non è sopravvissuto al Tempo o alla Storia, offrendo ai visitatori un'opportunità unica: un viaggio a ritroso nel tempo, tra le impronte della memoria. Un vero e proprio itinerario di scoperta al cospetto del grandioso passato di una civiltà incredibile, estremamente complessa e raffinata, di cui molti, soprattutto in Occidente, sanno poco o nulla. [ S. B. ]

- - -

A JOURNEY INTO 20TH CENTURY CAMBODIA THROUGH EFEO PHOTOGRAPHIC ARCHIVES
di École Française d’Extrême-Orient (E.F.E.O)
E.F.E.O | 5 dicembre 2015 - 5 gennaio 2016
ingresso: libero

– – –

[ RISORSE INTERNE ]
Angkor Photo Festival & Workshops su FPmag
Mostre e proiezioni

[ video ] Una ricerca lunga un anno: intervista a Françoise Callier
[ video ] Con la didattica nel mirino: intervista a Jean-Yves Navel

[ RISORSE ESTERNE ]
E.F.E.O.
Angkor Photo Festival & Workshops

pubblicità su FPmag

pubblicato in data 17-12-2015 in NOTIZIE / MOSTRE

ANGKOR2015 StefaniaBiamonti






altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright