pubblicità su FPmag

1 / 8       Leonard Freed, Sicilia, 1974. Unique vintage print, 28x35,3 cm. © Leonard Freed - Magnum (Brigitte Freed).

2 / 8       Leonard Freed, Sicilia, 1974. Unique vintage print, 28x35,3 cm. © Leonard Freed - Magnum (Brigitte Freed).

3 / 8       Leonard Freed, New York, 1955. Unique later print, 27,7x35,4 cm. © Leonard Freed - Magnum (Brigitte Freed).

4 / 8       Leonard Freed, Firenze, 1958. Modern print, 40,5x50,5 cm. © Leonard Freed - Magnum (Brigitte Freed).

5 / 8       Leonard Freed, Sicilia, 1975. Digitale, epson print, archival paper, 33x48,3 cm. © Leonard Freed - Magnum (Brigitte Freed).

6 / 8       Leonard Freed, Sicilia, 1975. Later print, 30,3x40,5 cm. © Leonard Freed - Magnum (Brigitte Freed).

7 / 8       Leonard Freed, Napoli, 1956. Modern print, 50,5x40,5 cm. © Leonard Freed - Magnum (Brigitte Freed).

8 / 8       Leonard Freed, Roma, 1958. Unique later print, 49,9x40 cm. © Leonard Freed - Magnum (Brigitte Freed).

L'Italia di Leonard Freed

Il Centro Saint-Bénin di Aosta ospita Io amo l'Italia, una mostra voluta dall’Assessorato dell’Istruzione e Cultura della Regione autonoma Valle d’Aosta per ricordare il fotografo americano Leonard Freed (New York, 1929 – 2006) e il suo rapporto con l'Italia e gli italiani.
L'esposizione – curata da Enrica Viganò e realizzata in collaborazione con Admira e il Leonard Freed Archive – propone infatti un centinaio di fotografie, tra vintage e modern print, scattate dall'autore in diverse località italiane. Immagini realizzate con l'occhio attento di chi, sensibile a una ricerca di stampo antropologico-etnografico, cerca di avvicinarsi con garbo e rispetto a un'umanità dinamica e variopinta, estremamente diversa dalla propria, per provare a tratteggiarne un ritratto vivido, sincero ed emozionale. Scatto dopo scatto, nasce così una sorta di ritratto in divenire della nostra società che ricopre un arco temporale di circa cinquant'anni, spaziando dalla metà del Novecento fino agli inizi del nuovo secolo. Un percorso che se da un lato ripercorre quindi le fasi principali della carriera dell'autore, membro dell'agenzia Magnum Photos dal 1972, dall'altro rivela come il nostro Paese divenne per lui ora luogo di ricerca interiore ora vero e proprio campo di osservazione. Ma non solo. La mostra – che verrà inaugurata venerdì 20 maggio 2016 alle ore 18,00 – restituisce di fatto al visitatore un'ampia panoramica sugli oltre quarantacinque soggiorni compiuti dal fotografo statunitense in Italia, terra con la quale intrattenne un rapporto che lui stesso non esitò a definire una storia d’amore.

Leonard Freed. Io amo l’Italia
Centro Saint-Bénin, via Festaz, 27 - Aosta
21 maggio – 20 settembre 2016

orario: tutti i giorni, ore 9,00 - 19,00
ingresso: intero 6,00 € | ridotto 4,00 € | ridotto 3,00 € per i soci del Touring Club Italiano e Alpitour | gratuito per minori di 18 anni e scuole | ingresso cumulativo con la mostra Enrico Baj. L’invasione degli ultracorpi (11 giugno - 9 ottobre 2016) al Museo Archeologico Regionale di Aosta: intero 10,00 € e ridotto 6,00 €
info: 0165 272687
www.regione.vda.it


_ _ _

[ RISORSE INTERNE ]
[ mostre ] Robert Capa e l'Italia in guerra

[ RISORSE ESTERNE ]
Leonard Freed
Centro Saint-Bénin

pubblicità su FPmag

pubblicato in data 17-05-2016 in NOTIZIE / MOSTRE

MagnumPhotos






altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright