FPschool, scuola di fotografia a a Milano, via Spartaco 36 | Corso di reportage

pubblicità su FPmag

1 / 8       Luigi Ghirri, Modena 1973. 153x258mm. Courtesy CSAC Università di Parma, Eredi Ghirri.

2 / 8       Mario Cresci, Basilicata (da Sui segni del paesaggio), Basilicata, 1988. 304x303mm. Courtesy CSAC Università di Parma, Mario Cresci.

3 / 8       Giovanni Chiaramonte, S.t., (da Attraverso le pianure), Emilia Romagna, 2004. 300x400 mm. Courtesy CSAC Università di Parma, Giovanni Chiaramonte.

4 / 8       Publifoto Milano/Sport, Mille Miglia 1949. Passaggio a Piacenza, Piacenza, 1949. Negativo 6x6 cm. Courtesy CSAC Università di Parma/Sezione Fotografia

5 / 8       Guido Guidi, Rimini Nord, guardando verso Ovest 15/3, Rimini, 1991. 240x301 mm. Courtesy CSAC Università di Parma, Guido Guidi.

6 / 8       Documentazione ANAS ante 1949: la Via Emilia, Atelier Vasari Roma, Emilia Romagna, 1948-49. Negativo 13x18 cm. Courtesy CSAC Università di Parma/Sezione Fotografia.

7 / 8       Piacenza. Palazzo Comunale. Fotografia dell'Emilia Bologna, Piacenza, 1880-90. 260x202 mm. Courtesy CSAC Università di Parma/Sezione Fotografia.

8 / 8       Bruno Stefani, Rullo 1538: Emilia Romagna, 1949-1953. Rullo negativo 135 mm. Courtesy CSAC Università di Parma/Sezione Fotografia.

Con la via Emilia negli occhi

A partire dal 7 maggio 2016 gli spazi dell'Abbazia di Valserena, attuale sede dello CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma, ospiteranno la mostra Esplorazioni dell’archivio. Fotografie della Via Emilia, a cura di Paolo Barbaro e Claudia Cavatorta.
L’esposizione, articolata in tre distinti nuclei tematici, è il frutto di una lunga indagine condotta tra i meandri dell'archivio di 9 milioni di immagini fotografiche custodito dallo CSAC e, come suggerisce il titolo, vorrebbe mettere al centro la via Emilia collegandosi idealmente al progetto Esplorazioni sulla via Emilia del 1986. Un meticoloso lavoro di studio e ricerca fotografica divenuto un riferimento importante per le successive riflessioni sul paesaggio e che, esattamente trent'anni fa, vide protagonisti Luigi Ghirri, Olivo Barbieri, Gabriele Basilico, Vincenzo Castella, Giovanni Chiaramonte, Nino Criscenti, Vittore Fossati, Omar Galliani, Guido Guidi, Mimmo Jodice, Klaus Kinold, Claude Nori, Cuchi White e Manfred Willmann. Autori importanti, che hanno in qualche modo segnato la storia della fotografia e che, proprio per questo, saranno inseriti nel percorso espositivo attraverso una serie di monografie minime. In dialogo e opposizione con queste ultime sarà quindi posto il secondo nucleo tematico che, allestito nella Sala delle Colonne, presenterà una selezione di fotografie dell’Ottocento degli studi Alinari, Brogi e Poppi. Si tratta di immagini che documentano il paesaggio emiliano postunitario, in cui l’identità nazionale è costruita e veicolata attraverso «iconografie di architetture e monumenti isolati dal contesto». Di tutt'altra matrice sarà, infine, il terzo e ultimo nucleo espositivo, costituito da una serie fotografie del Novecento tratte anch’esse dall’immenso archivio CSAC. Un percorso nel percorso che raccoglierà le fotografie dell'Atelier Vasari di Roma – eseguite per l'ANAS tra il 1946 e il 1948 per documentare la ricostruzione delle strade emiliane –, le immagini realizzate da Bruno Stefani per illustrare i volumi del Touring Club Italiano tra il 1935 e il 1960, gli scatti del parmigiano Bruno Vaghi, le fotografie industriali dell'Atelier Villani e le immagini sportive di Publifoto.
In occasione della mostra – inserita nell'ambito di Fotografia Europea 2016 (Reggio Emilia, 6 maggio - 10 luglio 2016) dedicata al tema La via Emilia. Strade, viaggi, confini – verrà inoltre organizzata una serie di incontri, incentrati sul tema dell’esposizione, che metteranno a confronto esperienze di segno diverso di scrittori, fotografi, archivisti, scienziati, geografi e linguisti. Le conferenze si apriranno sabato 21 maggio 2016 con la lezione magistrale di Giovanni Chiaramonte.

Esplorazioni dell’archivio. Fotografie della Via Emilia
CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione, Abbazia di Valserena, strada Viazza di Paradigna, 1 - Parma
7 maggio – 2 ottobre 2016

orario: da martedì a venerdì, ore 10,00 - 15,00 | sabato e domenica, ore 10,00 - 20,00
ingresso: intero 10,00 € | ridotto 5,00 € | ridotto scuole 3,00 € | ingresso gratuito per Under13, studenti dell’Università di Parma accompagnati da un docente, giornalisti, guide turistiche interpreti in servizio, portatori di handicap e accompagnatori | biglietto ridotto a fronte della presentazione del biglietto di ingresso a Fotografia Europea 2016
info: 0521 607791
servizimuseali@csacparma.it
www.csacparma.it | www.fotografiaeuropea.it


_ _ _

[ RISORSE INTERNE ]
[ meltingpot ] Il nuovo volto dello CSAC

[ RISORSE ESTERNE ]
CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione

pubblicità su FPmag

pubblicato in data 26-03-2016 in NOTIZIE / MOSTRE

FOTOGRAFIAEUROPEA FOTOGRAFIAEUROPEA2016 CSAC GabrieleBasilico LuigiGhirri






altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright