1 / 4       © Loulou d’Aki.
2 / 4       © Loulou d’Aki.
3 / 4       © Loulou d’Aki.
4 / 4       © Loulou d’Aki.

War Babies

War Babies è un progetto della fotogiornalista Loulou d’Aki. Nata e cresciuta sulla costa svedese, l'autrice si concentra da anni su tematiche complesse, mostrando come i conflitti armati, le tensioni politiche e le epidemie influenzano la quotidianità delle popolazioni coinvolte, soprattutto di donne e giovani.
Nell’estate 2014 d'Aki si trova a Gaza. Qui ha l'opportunità di osservare come i bombardamenti continui e la mancanza di sicurezza riducano al minimo gli spazi vitali, alterando fortemente la vita quotidiana della popolazione civile. Una situazione sfiancante, per certi versi al limite, che tuttavia non sembra intaccare la spinta alla sopravvivenza. A Gaza, sotto le bombe e tra le macerie, continuano infatti a nascere bambini. Anche di fronte all’obitorio di Gaza City. L'incontro con le degenti e le ostetriche del reparto maternità dell'ospedale di Al Shifa è però casuale. Mentre aspetta di entrare nell’obitorio, la fotografa nota infatti delle donne velate che osservavano dalla finestra i cortei funebri per strada. Scopre così che si tratta del reparto di ostetricia, e questa realtà – in cui vita e morte convivono, sfiorandosi continuamente – cattura la sua attenzione.
Da quando è cominciata l’operazione Margine Protettivo, l’ospedale Al Shifa è infatti sovraffollato di morti e feriti. Li trovi ovunque: al pronto soccorso, sul tavolo operatorio, all’obitorio. Ma non è l'unica emergenza che si trova ad affrontare l'ospedale. In tempo di guerra, il numero di nati prematuri aumenta drasticamente a causa dello stress e della paura di cui soffrono molte donne. Solo durante i mesi di luglio-agosto 2014, nella Striscia di Gaza sono nati 5.300 bambini, di cui oltre 3.000 prematuri. Ed è proprio attorno a questo aspetto poco noto della vita in stato di guerra che gravita la serie War Babies.
Un progetto che mostra come la guerra possa intaccare anche gli aspetti più intimi e delicati dell'esistenza e che, in occasione di Fotoleggendo 2015, verrà ospitato a Roma, presso le sale di Antropomorpha Fotografia. L'esposizione, dal titolo omonimo, si inaugura mercoledì 10 giugno alle ore 19,00.

War Babies. Fotografie di Loulou d'Aki
Antropomorpha - Fotografia, via Castruccio Castracane 28a - Roma
10 giugno – 2 luglio 2015

orario: da lunedì a venerdì, ore 15,00 - 19,00, oppure su appuntamento
ingresso: libero
info: 06 64801418
robiturri@yahoo.it
www.antropomorpha.it

pubblicato in data 10-06-2015 in NOTIZIE / MOSTRE







altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright