1 / 10       Vivian Maier, New York, 10 settembre 1955. © Vivian Maier, Maloof Collection. Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York.
2 / 10       New York, NY, Septembre 1953. © Vivian Maier, Maloof Collection. Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York.
3 / 10       Sans titre, Automne, 1953. © Vivian Maier, Maloof Collection. Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York.
4 / 10       Ragazzo con piccioni, s.d. © Vivian Maier, Maloof Collection. Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York.
5 / 10       Autoritratto, 1953. © Vivian Maier, Maloof Collection. Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York.
6 / 10       Sans titre, Chicago, 16 Mai 1957. © Vivian Maier, Maloof Collection. Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York.
7 / 10       Sans titre, 3 Septembre 1954. © Vivian Maier, Maloof Collection. Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York.
8 / 10       Vivian Maier, Chicago, 22 agosto 1956. © Vivian Maier, Maloof Collection. Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York.
9 / 10       Senza titolo (Zoo di Central Park), s.d. © Vivian Maier, Maloof Collection. Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York.

10 / 10       Vivian Maier, Senza titolo, Autoritratto, s.d. © Vivian Maier, Maloof Collection. Courtesy Howard Greenberg Gallery, New York.

Vivian Maier. Street Photographer

Chi era Vivian Maier? Sono in pochi ormai a non saperlo. Bambinaia per le famiglie benestanti di New York e Chicago fin dai primi anni Cinquanta del secolo scorso, Vivian Maier ha fotografato per oltre cinque decadi la vita nelle strade delle città in cui ha vissuto, accumulando segretamente più di 150.000 negativi, una miriade di pellicole non sviluppate, stampe, film in Super 8 e in 16 millimetri, registrazioni, appunti e altri documenti di vario genere. Un archivio sterminato, custodito gelosamente dall'autrice nelle diverse stanze in cui si è trovava a soggiornare e, dopo la sua morte, confinato in un magazzino e lì dimenticato. Il materiale fu confiscato nel 2007, in seguito al mancato pagamento dell’affitto del locale, quindi scoperto dal giovane John Maloof in una casa d’aste di Chicago. Il resto è storia. Una storia che sarà possibile ripercorrere e approfondire grazie alla mostra in suo onore che verrà ospitata, a partire dal 10 luglio 2015, presso il Museo MAN di Nuoro.
Curata da Anne Morin e realizzata in collaborazione con diChroma Photography, l'esposizione si configura come la prima mostra di Vivian Maier ospitata da un’Istituzione pubblica italiana. Un progetto espositivo importante che, partendo dai materiali raccolti da John Maloof, offrirà una visione d’insieme sulla produzione di questa ormai celeberrima tata con la passione per la fotografia, ponendo l’accento su elementi chiave della sua poetica, come l’ossessione per la documentazione e l’accumulo, fondamentali per inquadrare correttamente il profilo artistico e biografico dell'autrice.
Insieme a una selezione di 120 fotografie scattate tra i primi anni Cinquanta e la fine degli anni Sessanta – scelte tra le più significative custodite dall’archivio di Maloof –, la mostra presenterà dieci filmati in Super 8 e una serie di immagini a colori realizzate a partire dalla metà degli anni Sessanta. I filmati, privi di tessuto narrativo e di movimenti di camera, fanno chiarezza sul suo modo di approcciare sia il soggetto sia la realtà che la circondava, mentre gli scatti degli anni Settanta raccontano il suo cambiamento di visione, dettato principalmente dal passaggio dalla Rolleiflex alla Leica, che obbligò Vivian Maier a trasferire la macchina dall’altezza del ventre a quella dell’occhio.
La mostra sarà inoltre arricchita da una serie di provini a contatto, mai esposti in precedenza, utili per comprendere i processi di visione e sviluppo di questa tata di origini francesi (la madre era originaria delle Alpi provenzali) diventata una famosa fotografa americana solo dopo la sua scomparsa.

Vivian Maier. Street Photographer
Museo MAN, via Sebastiano Satta, 27 - Nuoro
10 luglio – 18 ottobre 2015

orario: da martedì a domenica, ore 10,00 - 13,00 e 15,00 - 19,00 | chiuso il lunedì
ingresso: intero 3,00 € | ridotto: 2,00 € per i giovani dai 18 ai 25 anni | gratuito per gli under 18, gli over 65 e ogni prima domenica del mese
info: 0784 252110
info@museoman.it
www.museoman.it

pubblicato in data 17-06-2015 in NOTIZIE / MOSTRE

VivianMaier MuseoMAN






altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright