1 / 10       G. Crupi, Isola a Capo S. Andrea, Taormina, 1890 ca. Stampa all’albumina all’anilina, 166x231 cm. Courtesy MSFFA, Fondo Crupi. © Raccolte Museali Fratelli Alinari.
2 / 10       V. Giacomelli, La denuncia segreta, 1880 ca. Stampa all’albumina. Courtesy Museo di Storia della Fotografia Fratelli Alinari, Firenze. © Raccolte Museali Fratelli Alinari.
3 / 10       V. Balocchi, Firenze, 1938. Stampa alla gelatina bromuro d'argento, 385x284 cm. Courtesy Museo di Storia della Fotografia Fratelli Alinari - Archivio Balocchi, Firenze. © Raccolte Museali Fratelli Alinari.
4 / 10       G. Altobelli, Veduta notturna dei Fori Imperiali, 1865 ca. Stampa all'albumina, 263x363 cm. Courtesy Museo di Storia della Fotografia Fratelli Alinari - Fondo Altobelli, Firenze. © Raccolte Museali Fratelli Alinari.
5 / 10       A. Trombetta, I Misteri: Sant’Antonio Abate, 1874. Stampa all'albumina, 252x174 cm. Courtesy Museo di Storia della Fotografia Fratelli Alinari - Archivio Trombetta, donazione Trombetta, Firenze. © Raccolte Museali Fratelli Alinari.
6 / 10       W. Wulz, Io + gatto, 1932. Stampa alla gelatina bromuro, 195x147 cm. Courtesy Museo di Storia della Fotografia Fratelli Alinari - Archivio Wulz, Collezione Zannier, Firenze. © Raccolte Museali Fratelli Alinari.
7 / 10       F. Belli, Contadina romana, 1875 ca. Stampa all'albumina, 256x191 cm. Courtesy Museo di Storia della Fotografia Fratelli Alinari, Firenze. © Raccolte Museali Fratelli Alinari.
8 / 10       W. von Gloeden, Terremoto di Messina, 1908. Stampa all'albumina, 169x223 cm. Courtesy Museo di Storia della Fotografia Fratelli Alinari - Archivio von Gloeden, Firenze. © Raccolte Museali Fratelli Alinari.
9 / 10       G. Altobelli, Cascata delle Marmore a Terni, 1865 ca. Stampa all'albumina, 375x282 cm. Courtesy Museo di Storia della Fotografia Fratelli Alinari - Fondo Altobelli, Firenze. © Raccolte Museali Fratelli Alinari.
10 / 10       C. Mollino, Donna con capitello, 1936-40. Stampa alla gelatina bromuro, 237x112 cm. Courtesy Museo di Storia della Fotografia Fratelli Alinari - Fondo Mollino, Firenze. © Raccolte Museali Fratelli Alinari.

Storia della fotografia italiana

Un percorso espositivo ideato per offrire ai visitatori un inedito itinerario visivo attraverso la fotografia italiana d’autore e l'opera di tutti quei fotografi stranieri che, a cavallo tra Ottocento e Novecento, hanno trovato in Italia una fonte di ispirazione per le loro fotografie. Un percorso culturale, sociale, urbanistico e paesaggistico che sviluppato con oltre 200 immagini d'epoca, provenienti dalle collezioni Alinari, dal Risorgimento conduce fino agli albori della Seconda Guerra Mondiale, mostrando l'evolversi degli strumenti e della tecnica fotografica. Parliamo di Una storia della fotografia italiana 1841-1941. Dalle collezioni Alinari, l'esposizione inaugurata giovedì 28 maggio a Torino, presso la Sala Ipogea dell'Archivio di Stato.
Curata da Anne Cartier Bresson – Capo conservatore del Patrimonio, nonché Direttrice del Laboratorio di restauro e conservazione delle fotografie di Parigi – e da Monica Maffioli – storica della fotografia, già Direttore del Museo di Storia della Fotografia Fratelli Alinari di Firenze – la mostra propone quindi due narrazioni parallele: da un lato quella della fotografia in Italia (anche a cura di autori stranieri), dall'altro quella dei fotografi italiani (anche con scatti realizzati all’estero) che hanno in qualche modo segnato il periodo trattato. In mostra, dai Campi di Annibale di Altobelli ai Ritratti giapponesi di Felice Beato, dall’Autoritratto di von Gloeden a Io+gatto di Wanda Wulz, fino a Mussolini e Hitler dell’Istituto Luce, passando per le opere di quei fotografi, italiani e stranieri, divenuti patrimonio della storia della fotografia italiana, come i Fratelli Alinari, Anderson, Brogi, Peretti Griva, Sommer, Caneva e Ponti. Il percorso espositivo è inoltre arricchito da album d'epoca, libri a stampa e importanti prestiti provenienti da alcune collezioni torinesi, come le due stampe in collotipia – Alberobello e Il ponte girevole di Taranto – parte dell’album Nelle Puglie, realizzato da Vittorio Alinari nel 1914 e conservato presso la Biblioteca Reale di Torino.
Promossa da Fratelli Alinari - Fondazione per la Storia della Fotografia, in collaborazione con l'Archivio di Stato di Torino e il sostegno della Compagnia di San Paolo, la mostra gode del patrocinio del Comune di Torino e di Expo Torino 2015.

Una storia della fotografia italiana 1841-1941. Dalle collezioni Alinari
Sala Ipogea dell’Archivio di Stato, via Piave, 21 - Torino
29 maggio – 26 luglio 2015

orario: da lunedì a venerdì, ore 10,00 - 13,00 e 15,00 -18,00 | sabato e domenica, ore 16,00 - 19,00 | chiuso il 2 e il 24 giugno
ingresso: intero 7,00 € | ridotto 5,00 €
info: 011 4604111
info@alinari.it
http://archiviodistatotorino.beniculturali.it

pubblicato in data 30-05-2015 in NOTIZIE / MOSTRE







altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright