Patine e Accumuli

«Questo lavoro si presenta come un percorso articolato in tre momenti, che suscitano altrettante esperienze. Lo scopo è quello di accogliere e condividere un momento narrativo legato alla ritualità e, partendo da gesti tradizionali o istintivi, recuperare quella dimensione ‘mitica’ presente anche nel nostro vissuto quotidiano». Viene introdotto con queste parole Patine e Accumuli. Persistenze del gesto dalla tradizione alle nuove tecnologie, la mostra proposta e organizzata da Studio Azzurro nell'ambito del festival delle culture contemporanee Contaminafro. Identità in evoluzione.
Realizzata in collaborazione con Lazare Ohandja (Mo ‘O Me Ndama), Giulio Calegari e Gigi Pezzoli (Centro Studi Archeologia Africana Milano), l'esposizione si suddivide in tre parti, tre ambienti a sé stanti, sottilmente interconnessi, allestiti negli spazi di lavoro di Studio Azzurro a Milano (c/o Fabbrica del Vapore). Il primo ambiente «vede raggruppate figure scolpite e dipinte appartenenti alla tradizione africana. Alcune non "attive", altre vissute dai gesti di offerta di cui si riconoscono le stratificazioni». Il secondo propone invece un trittico video, «una narrazione orale, che si accompagna a segni e figure semplici tracciate lentamente sulla terra polverosa». Il terzo ambiente, infine, «si presenta come un ambiente sensibile, un luogo in cui è possibile ritrovare una diversa forma dell’esperienza fatta all’inizio del percorso, lasciando aperta una domanda sulle forme del rito».
Un percorso raffinato e complesso che, attraverso la compresenza di oggetti tradizionali africani, video e installazioni interattive, invita su più livelli a un atteggiamento partecipativo. A un'apertura verso l'altro e verso ciò che non si ri/conosce (talvolta pur appartenendoci) che ben si inserisce nell'ambito di un festival che si propone come obiettivo primario la costruzione di una piattaforma di relazioni tra portatori di cultura di qualunque provenienza ed etnia, per una cultura estesa basata su un nuovo paradigma delle relazioni.

Patine e Accumuli. Persistenze del gesto dalla tradizione alle nuove tecnologie
Fabbrica del Vapore, via Giulio Procaccini, 4 - Milano
2 – 7 settembre 2015

orario: tutti i giorni, ore 10,00 - 22,00
ingresso: intero 10,00 € (L’acquisto del biglietto permette l’accesso a tutti gli eventi e le attività in programmazione per il giorno d’ingresso ad esclusione degli stage di danza per i quali è necessario contattare direttamente l’Associazione Moo Me Ndama).
info: www.contaminafro.com | www.studioazzurro.com

pubblicato in data 03-09-2015 in NOTIZIE / MOSTRE

FabbricaDelVapore






altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright