pubblicità su FPmag

1 / 10       Roos Quakernaat (Gerrit Rietveld Academie, Amsterdam). 
Courtesy l’artista.

2 / 10       Sara Vighi (Fondazione Fotografia Modena, Italia), 
Handbook of a Town, 2016. 
Courtesy l’artista.

3 / 10       Juliette Angotti (
École Nationale Supérieure des Arts Décoratifs, Paris). 
Courtesy l’artista.

4 / 10       Vytautas Kumza
, (Gerrit Rietveld Academie, Amsterdam), 
Phantasm, 2016. 
Courtesy l’artista.

5 / 10       Andrea Luporini, Senza Titolo #1. Dalla serie A misura di braccio, 2016. Inkjet print. Courtesy dell’artista.

6 / 10       Simone Bulgarelli, Spazio altro, 2016. Inkjet print. Courtesy dell’artista.

7 / 10       Orlando Myxx
 (Fondazione Fotografia Modena), 
Orlando: not-framed, 2016
. Courtesy l’artista.

8 / 10       Simone Pellegrini, Extend me. \ I am S., 2016. Inkjet print. Courtesy dell’artista.

9 / 10       Sara Savorelli, Senza titolo, 2016. Still da video. Courtesy dell’artista.

10 / 10       Elena Canevazzi, 163 cm, 2016. Installazione di fotocopie. Courtesy dell’artista.

Lo Stato delle Cose

Lo Stato delle Cose è il titolo scelto per il percorso espositivo che riunisce i progetti realizzati dagli studenti che, quest’anno, terminano il biennio previsto dal Master di Alta Formazione sull'Immagine Contemporanea organizzato da Fondazione Fotografia Modena.

L'esposizione è prevista al Foro Boario di Modena dal 16 giugno al 17 luglio 2016 e, come spiega il testo di presentazione dell'evento, è stata concepita come qualcosa di più di una semplice mostra di fine anno. Citando Wim Wenders, è stata ideata «come un film senza una storia, un insieme costruito come una casa senza muri in cui è proprio lo spazio tra i suoi protagonisti a poterne sopportare il peso». Le fotografie, i video, le installazioni e le sculture in esposizione vorrebbero infatti suggerire una riflessione sul linguaggio stesso dell’immagine e, al contempo, mostrare i diversi espedienti (formali e tematici) adottati dagli undici studenti coinvolti per proporla. Lungo il percorso si attraversano così statuti e stili differenti, e varie tematiche, che spaziano dalla percezione di sé e del proprio corpo alla capacità di relazionarsi con lo spazio che ci circonda, dalla ricerca di un ricordo perduto nel tempo alla tensione continua verso la perfezione.

Tuttavia, a dar vita al cosiddetto The Summer Show 2016 non ci saranno solo i lavori migliori degli studenti che hanno concluso quest'anno il percorso biennale proposto da Fondazione Fotografia Modena, ovvero Simone Bulgarelli (1991, Carpi, MO), Elena Canevazzi (1991, Carpi, MO), Francesco Cardarelli (1981, Offida, AP), Francesca Ferrari (1961, Modena), Giulia Fini (1995, Modena), Alessio Gianardi (1983, La Spezia), Andrea Luporini (1984, La Spezia), Orlando Myxx (1974, Dolo, VE), Simone Pellegrini (1993, Modena), Sara Savorelli (1991, Rimini) e Livia Sperandio (1991, Foligno). L'esposizione prevede infatti anche una sezione riservata agli studenti del primo anno e, per la prima volta, una selezione di opere dei finalisti dello European Photography Award, un riconoscimento assegnato ogni anno ai migliori allievi delle più rinomate scuole di fotografia europee.

Il Master di Alta Formazione sull'Immagine Contemporanea di Fondazione Fotografia Modena (le cui iscrizioni per il biennio 2016-18 sono ancora aperte, cfr. voce workshop) è infatti entrato a far parte di questo prestigioso circuito di centri di formazione – che contempla, tra gli altri, l’École Nationale Supérieure des Arts Décoratifs di Parigi, il Royal College of Art di Londra e la Zürcher Hochschule der Künste di Zurigo – e, quest'anno, può vantare ben due studenti tra i finalisti del Premio, ovvero Sara Vighi e Orlando Myxx.

Ricordiamo, infine, che anche in occasione dell'edizione 2016 di The Summer Show una commissione composta da membri interni ed esterni alla Fondazione selezionerà i lavori migliori del biennio 2014-16, che entreranno a far parte della collezione di Fondazione Cassa di risparmio di Modena. Ai loro autori andrà inoltre un premio in denaro. Maggiori informazioni al riguardo sono disponibili all'indirizzo web pubblicato tra le Info.

The Summer Show 2016 – Lo Stato delle Cose
Foro Boario, via Bono da Nonantola, 2 - Modena
16 giugno – 17 luglio 2016

orario: giovedì e venerdì, ore 15,00 - 19,00 | sabato e domenica, ore 11,00 - 19,00
ingresso: libero
info: formazione@fondazionefotografia.org
www.fondazionefotografia.org


_ _ _

[ RISORSE INTERNE ]
◉ [ workshop ] Un Master per lavorare con l'immagine
◉ [ portfolio ] Made in Korea di Filippo Venturi


[ RISORSE ESTERNE ]
European Photography Award
Fondazione Fotografia

pubblicità su FPmag

pubblicato in data 17-06-2016 in NOTIZIE / MOSTRE

FondazioneFotografia






altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright