1 / 4       Mick Jagger backstage 1972 Tour. © Jim Marshall Photography LLC.

2 / 4       Mick Jagger & Keith Richards - Exile on Main Street Studio Recordings, 1972. © Jim Marshall Photography LLC.

3 / 4       Carlos Santana at Woodstock, 1969. © Jim Marshall Photography LLC.

4 / 4       Peter Frampton. © Jim Marshall Photography LLC.

Jim Marshall: Io vedo la musica

«Quando fotografo le persone non mi piace dare alcuna indicazione. Non ci sono parrucchieri né make-up artist in giro. Sono come un giornalista, solo che uso una macchina fotografica; reagisco ai miei soggetti nel loro ambiente, e se va bene, mi immergo a tal punto nella situazione da diventare un tutt’uno con la mia fotocamera.» Con queste parole Jim Marshall descriveva il suo lavoro.
Nato nel 1936 e cresciuto nel Fillmore district di San Francisco, culla del rock degli anni Sessanta e sede del leggendario Fillmore West di Bill Graham, Jim Marshall respira musica fin da piccolo frequentando i locali di North Beach. Che questa esperienza lo abbia segnato in modo indelebile è evidente da un'affermazione che ebbe modo di pronunciare anni dopo quando disse «Io vedo la musica…».
Fin dagli esordi giovanili, quando iniziò a fotografare i musicisti che si alternavano sul palco, si propose con uno stile innovativo per l'epoca. Le sue immagini risultano infatti fin dall'inizio molto più spontanee di quelle che la gente era abituata a vedere, grazie anche alla sua capacità di sfruttare la luce ambiente.
Nella sua prestigiosa carriera può vantare vari primati, tra i quali spicca quello di essere stato l’unico fotografo ammesso all’ultimo concerto dei Beatles, al Candlestick Park di San Francisco e al leggendario concerto di Johnny Cash nelle prigioni di Folsom e San Quentin. Lo ricordiamo inoltre come chief photographer a Woodstock, dove ha fotografato gli Who che si esibivano all’alba, al Monterey Pop Festival quando riprese Jimi Hendrix che dava fuoco alla sua Stratocaster sul palco, al Fillmore East di New York per immortalare gli Allman Brothers e al primo festival sull’isola di Wight durante l'esibizione di Miles Davis. Marshall è però ricordato soprattuto per aver seguito per anni i Rolling Stones nei loro tour, offrendone un'immagine più intima, alternata a quella pubblica a tutti nota.
A quattro anni di distanza dalla sua scomparsa, avvenuta il 24 marzo 2010, è stato insignito, unico fotografo della storia, di un Trustees Award nel corso della 56° edizione dei Grammys.

Like a Rolling Stone - L’epoca d’oro del Rock nelle fotografie di Jim Marshall
Leica Galerie Milano, via Mengoni, 4 - Milano
2 marzo – 11 aprile 2015

orario: lunedì, ore 14,30-19,30 | da martedì a sabato, ore 10,30-19,30 | domenica chiuso
ingresso: libero
info: 02 89095156
CC-ITA@leica-camera.com | info@leicastore-milano.com
it.leica-camera.com | www.lab.leica-camera.it

pubblicato in data 02-03-2015 in NOTIZIE / MOSTRE







altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright