pubblicità su FPmag

1 / 5       Fay Fuqua, 1933. © Edward Weston.

2 / 5       Margaret Liebman, 1927. © Edward Weston.

3 / 5       Igor Stravinsky, stampa 1936. © Edward Weston.

4 / 5       Charis, stampa 1934. © Edward Weston.

5 / 5       Disegno, matita su carta, 30x42,5 cm. © Sol Lewitt.

Edward Weston: il corpo e la linea

Un'esposizione che propone due distinti gruppi di opere, apparentemente lontanissimi, per farne emergere caratteristiche comuni e sottese sensibilità condivise. Un gioco di specchi, di parallelismi e rimandi, che mette a confronto le opere di uno dei principali protagonisti della storia della fotografia mondiale con quelle di alcuni dei maggiori esponenti del Minimalismo americano.
L’esposizione Edward Weston. Il corpo e la linea – curata da Francesco Zanot e allestita presso la Project Room di CAMERA a Torino – è tutto questo, e qualcosa in più. Il percorso è infatti ardito e accosta una serie di fotografie di Edward Weston ad alcuni disegni di artisti come Dan Flavin, Donald Judd, Sol Lewitt, Fred Sandback e Richard Serra, provando a rivelarne le affinità metodologiche e stilistiche, foriere di riflessioni potenzialmente molto più ampie. Ma non solo. Attraverso questo dialogo inedito tra i due nuclei in mostra viene tratteggiato il profilo identitario della Collezione Philip e Rosella Rolla, da cui tutte le opere provengono, nata sull'onda di un interesse per l'arte concettuale e minimalista presto spalancatosi alla fotografia.
Se è tuttavia vero che Weston cerca la severità geometrica nei volti e nei corpi dei suoi soggetti con lo stesso rigore con cui i Minimalisti traducono il mondo stesso in geometria, è davvero possibile riscontrare altri punti di contatto tra loro? «Come gli artisti della Minimal Art – spiega il testo di presentazione dell'evento – anche Weston fa della ripetizione uno dei cardini della sua poetica. Anche quando si cimenta con il ritratto segue alcune regole ricorrenti, come la neutralità dell'espressione, l’assenza di frontalità e il taglio ravvicinato. In particolare riprende ogni soggetto più volte, a ripetizione, stampando infine diverse immagini (in questa rara occasione presentate contemporaneamente) senza la necessità di sceglierne una soltanto. Weston insiste, come i Minimalisti. E come loro il suo immaginario è fondato sui concetti di disciplina, geometria, esattezza e scientifica armonia. Il suo modulo è lo spazio neutro dell'inquadratura: spazio che nelle opere qui presentate spesso si confonde con quello dello studio del ritrattista».

Edward Weston. Il corpo e la linea
Ritratti di Edward Weston e disegni dei Minimalisti americani
Dalla collezione di Philip e Rosella Rolla
CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia, via delle Rosine, 18 - Torino
11 maggio – 14 agosto 2016

orario: lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica, ore 11,00 - 19,00 | giovedì, ore 11,00 - 21,00 | martedì chiuso
ingresso: intero 10,00 € | ridotto 6,00 € per under 26 anni, over 65, possessori Abbonamento Musei Torino Piemonte, possessori del biglietto di ingresso di: Museo Ettore Fico, Museo Nazionale del Cinema, MAO, Palazzo Madama, Borgo Medievale, GAM - Galleria Civica d’Arte Moderna, Touring Club Italiano, Forte di Bard, Amici della Fondazione per l’Architettura, iscritti all’Ordine degli Architetti, iscritti AIACE | gratuito per bambini fino a 12 anni e per i possessori della Torino+Piemonte Card
info: 011 0881150
camera@camera.to
camera.to

_ _ _

[ RISORSE INTERNE ]
[ mostre ] Francesco Jodice. Panorama
[ video ] L'intervista a Lorenza Bravetta, Direttrice di CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia

[ RISORSE ESTERNE ]
CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia
Edward Weston

pubblicità su FPmag

pubblicato in data 24-05-2016 in NOTIZIE / MOSTRE

CAMERAtorino






altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright