pubblicità su FPmag

Henri Cartier-Bresson, Place de l'Europe, Stazione Saint Lazare, Parigi, Francia 1932 © Henri Cartier-Bresson/Magnum Photos1 / 2       Henri Cartier-Bresson, Place de l'Europe, Stazione Saint Lazare, Parigi, Francia 1932 © Henri Cartier-Bresson/Magnum Photos.

Henri Cartier-Bresson | Un salto incompiuto



Dietro la Gare St. Lazare, Paris, 1932. © Henri Cartier-Bresson/Magnum Photos.

Clicca sulla foto interattiva

Una delle fotografie più famose realizzate da Henri Cartier-Bresson è stata scattata a Parigi dietro alla Gare St. Lazare nel 1932. Si tratta di un'immagine dalle geometrie balistiche (vedi punto 1) che molto ha fatto e continua a far discutere critici ed esperti di fotografia.

Rimane comunque il fascino di un'immagine dal sapore vagamente surreale in cui fondamentale risulta essere l'interrogativo relativo a cosa stia facendo quell'uomo ripreso mentre salta in modo apparentemente insensato (vedi punto 4). In quale modo è arrivato fin lì e dove andrà?
Al tempo stesso l'immagine appare carica di una grazia che trova riscontro nella rima eidetica riscontrabile nei manifesti che si trovano nella parte sinistra dell'immagine (vedi punto 2).

La corrispondenza nell'incrocio di diagonali tra il salto dell'uomo e quello della ballerina nel manifesto è accentuata e moltiplicata dai rispettivi riflessi nell'acqua. A questi per conferire dinamismo all'immagine si aggiungono le opposte direzioni dei vettori di forza che definiscono la direzione dei rispettivi movimenti. A fare da contraltare sullo sfondo la figura, presumibilmente maschile (vedi punto 6) che sembra osservare la scena, e l'orologio (vedi punto 7) che si intravede in alto a sinistra. Nell'insieme questi due dettagli si contrappongono, sottolineando l'impossibilità di definire quale sia il modello e quale l'imitazione.

La logica ci suggerirebbe che il modello sia l'essere umano e il manifesto la copia, ma il tipo di gesto fa pensare al contrario, ancorché si tratti di una soluzione improbabile. Se tutto questo si svolge sotto lo sguardo dell'uomo mentre il tempo scorre è facile vedere nell'insieme della scena una sorta di rappresentazione simbolica dell'esistenza umana contraddistinta per molti dalla necessità di adeguarsi a schemi che si finisce per non capire più se sono stati scelti autonomamente o sono stati imposti dall'esterno.

Le possibili interpretazioni possono portare in ambiti assai variegati e complessi, coinvolgendo svariate discipline, dalla geometria alla semiotica. Di fatto però tutti gli sforzi degli esegeti risultano essere stati vanificati dalla spiegazione che lo stesso Cartier-Bresson diede quando era ancora in vita relativamente alla genesi di questo scatto (vedi il video cliccando sul simbolo play su fondo rosso).
Salvo poi decidere che non sia stato un raffinato (e forse un po' spietato) senso dell'ironia a suggerire quelle parole al loro autore...


Henri Cartier-Bresson. Fotografo
Palazzo Ducale, Loggia degli Abati, piazza Matteotti, 9 - Genova
11 marzo – 11 giugno 2017

FPschool, Corso Base di Photoshop

pubblicità su FPmag

pubblicato in data 06-03-2017 in NOTIZIE / LETTURAIMMAGINI

HenriCartierBresson MagnumPhotos


partecipa alla discussione




altro in LETTURAIMMAGINI



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright