1 / 7       Francesca Woodman, Untitled, New York (N.313), 1979-1980. Vintage gelatin silver print. Image: 6 1/8x9in. (15,6x22,9cm); Paper: 8x9 7/8in. (20,3x25,1cm). Courtesy Marian Goodman Gallery/New York.

2 / 7       Francesca Woodman, Untitled, New York (N.407), 1979 Vintage Color Print. Image: 3 5/16x3 7/16in. (8,4x8,7cm); Paper: 3 5/16x3 7/16in. (8,4x8,7cm). Courtesy Marian Goodman Gallery/New York.

3 / 7       Francesca Woodman, Untitled, New York (NF.466), 1979-1980. Vintage color print. Image: 6 1/2x6 1/2in. (16,5x16,5cm). Paper: 10x8in. (25,4x20,3cm). Courtesy Marian Goodman Gallery/New York.

4 / 7       Francesca Woodman, I'm trying my hand at fashion photography, Providence, Rhode Island (P.076.5), 1977. Vintage gelatin silver print on two-sided postcard. Image: 4 11/16x4 15/16in. (11,9x12,5cm); Paper: 8x10 15/16in. (20,3x27,8cm). Courtesy Marian Goodman Gallery/New York.

5 / 7       Francesca Woodman, Untitled, New York (NF.401B), 1979-1980. Vintage gelatin silver print. Image: 4 5/8x4 7/8in. (11,7x12,4cm); Paper: 6 7/8x5 1/2in. (17,5x14cm). Courtesy Marian Goodman Gallery/New York.

6 / 7       Francesca Woodman, Untitled, New York (NF.408), 1979-1980. Vintage gelatin silver print. Image: 5 7/8x8 15/16 in. (15x22,7cm); Paper: 8x9 7/8 in. (20,3x25,1cm). Courtesy Marian Goodman Gallery/New York.

7 / 7       Francesca Woodman, Untitled, New York (NF/I.166.1), 1979-1980. Vintage gelatin silver print. Image: 2 13/16x4 1/8in. (7,1x10,5cm); Paper: 8x9 7/8in. (20,3x25,1cm). Courtesy Marian Goodman Gallery/New York.

Francesca Woodman e la moda

Francesca Woodman: I’m trying my hand at fashion photography è la quarta mostra personale, a partire dal 2004, dedicata all'autrice statunitense e realizzata presso la galleria newyorkese Marian Goodman Gallery.
La mostra, aperta fino al 13 marzo 2015, si incentra su una selezione di una trentina di opere già esposte con successo al Museum of Modern Art di San Francisco e al Guggenheim Museum di New York.
Si tratta di immagini, per la maggior parte inedite, realizzate dalla Woodman a New York tra il 1978 e il 1980 e dedicate alla moda. Questi lavori compongono un capitolo preciso all'interno della sua opera, in cui si può leggere un'apertura verso il mondo commerciale all'interno della sua ricerca sul femminile perseguita sia attraverso l'autorappresentazione sia per mezzo di modelli presenti all'interno dell'immagine.
Tracce in embrione di queste fotografie possono essere ritrovate tanto nelle immagini realizzate nel suo percorso di formazione in Colorado, in Italia, a Providence e infine a New York, quanto nei suoi quaderni e libri d'artista. Come ha scritto Alison Gingeras «la moda era diventata uno strumento fondamentale sia per uscire dalla pratica artistica, sia per la sua auto-definizione. Più che un oggetto di scena, la moda è stata un catalizzatore di creatività tanto nella sua vita quanto nella creazione di immagini. Fin dalla tenera età, aveva una visione concettuale della moda quale potente strumento significante e performativo.»
Come sottolineato da alcuni studiosi, tra le fonti di ispirazione di questo corpus di immagini, si possono riconoscere tanto la tradizione surrealista quanto tendenze gotiche. Tuttavia si possono riconoscere anche altri generi di influenze, come quella della fotografa Deborah Turbeville o di Guy Bourdin. Come scrive Alison Gingeras «Rispecchiando i paradigmi definiti dal triunvirato di fotografi che hanno dettato legge sulle pagine di Vogue negli anni Settanta – Helmut Newton, Guy Bourdin e Deborah Turbeville – l'approccio della Woodman evita la semplice messa in evidenza di abiti e accessori. Emulando l'archetipo degli editoriali degli anni Settanta, le immagini della Woodman erano deliberatamente costruite per spingere lo spettatore a fruire di una storia complessa piuttosto che i prodotti che dovrebbero essere protagonisti dell'immagine.»
Accompagna la mostra un catalogo (da cui sono tratte le citazioni precedenti), pubblicato dalla Marian Goodman Gallery e curato da Alison Gingeras, dal titolo Francesca Woodman: Another Almost Square, A Fashion Photograph.

Francesca Woodman: I’m trying my hand at fashion photography
Marian Goodman Gallery, 24 West 57th Street New York, NY 10019 USA
12 febbraio – 13 marzo 2015

orario: da lunedì a sabato, ore 10,00 - 18,00
ingresso: libero
info: +1 212 9777160
goodman@mariangoodman.com
www.mariangoodman.com

pubblicato in data 28-02-2015 in NOTIZIE / MOSTRE

FrancescaWoodman






altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright