1 / 3       Dalla mostra Detour, Atlante di Cortona, Camucia e del Turismo. © Exposed.

2 / 3       Dalla mostra Detour, Atlante di Cortona, Camucia e del Turismo. © Exposed.

3 / 3       L'allestimento della mostra Detour, Atlante di Cortona, Camucia e del Turismo. © Stefania Biamonti/FPmag.

Detour Project

Senza parole. Così si rimane dopo la visita a Detour, Atlante di Cortona, Camucia e del Turismo, e il silenzio è probabilmente l'unico modo per schivare denunce e querele.
Il problema maggiore non sono tanto le fotografie quanto l'allestimento, se così si può definire l'accozzaglia di immagini in qualche modo appiccicate alle pareti di una sala da biliardo. Nell'insieme, un risultato che farebbe davvero fatica a trovare spazio in un oratorio di provincia. Difficile anche capire cosa fosse alle pareti in quanto arredamento stabile della sala (e ovviamente non ci riferiamo alle strutture connesse all'uso dei biliardi) e quanto fosse parte della mostra.
Sono cosciente che si potrebbe addurre la spiegazione che l'integrazione fosse voluta, ma la critica non è rivolta all'idea quanto alla realizzazione. Caos e disorganizzazione visiva dominano ovunque, e l'unica sensazione che si prova è la voglia di uscire il prima possibile e tornare a vedere qualcosa di decente. Detto questo, non mi sento di esprimere valutazioni sulle immagini, può anche darsi che un nesso ci fosse, ma non era desumibile dal display. Buona invece l'idea di coinvolgere il territorio con una produzione dedicata, ma la sensazione è che mancasse il coordinamento necessario a poter rendere il tutto effettivamente funzionale a un processo espositivo.
Il risultato è solo un gran confusione, dove anche quello che eventualmente ci fosse stato di buono finisce per essere annichilito dalla presentazione. Tutto da rivedere in prospettiva di un replica, ma da rivedere fin dalle fondamenta. Unico punto a favore: l'ingresso libero. [ S. I. ]

- - -

DETOUR, ATLANTE DI CORTONA, CAMUCIA E DEL TURISMO
a cura di Exposed
Circolo operaio | fino al 27 settembre 2015
ingresso: libero

pubblicato in data 23-07-2015 in NOTIZIE / MOSTRE

COTM COTM2015






altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright