FUnzilla Fest 2017, Casa della Cultura di Villa De Sanctis, via Casilina 665. 19, 20, 21 maggio 2017.

pubblicità su FPmag
GrazianoPerotti

Dammi la mano: la fotografia contro il dolore



Ci sono incontri che nascono per caso, come quello con Graziano Perotti, l'autore di Dammi la mano, un progetto e un libro fotografico omonimo realizzati in occasione del venticinquesimo anniversario dell'Associazione Pavese per la Cura del Dolore Onlus Lino Sartori. Graziano Perotti l'ho infatti incontrato in Friuli in occasione di un incontro con il pubblico nell'ambito dell'undicesima edizione di Portfolio a Lucinico. L'organizzazione mi ha aveva chiesto di moderare l'incontro durante il quale Perotti, partendo dai suoi esordi, ha compiuto un veloce excursus della propria più che trentennale carriera per arrivare fino all'ultimo libro che ha realizzato, Dammi la mano appunto.
La cosa che più mi ha colpito è l'umanità dimostrata da Perotti nell'affrontare l'ultima parte del suo intervento, quella appunto dedicata al libro. Un progetto complesso e decisamente impegnativo, prima ancora che sotto il profilo professionale sotto quello umano, messo a dura prova dalle situazioni che l'autore si è trovato a dover affrontare. Argomento del progetto è infatti l'attività di assistenza dei volontari dell'Associazione Pavese per la Cura del Dolore Onlus Lino Sartori, che offre assistenza domiciliare gratuita grazie al volontariato di medici specialisti, psicologi, infermieri professionali, ausiliari socio-assistenziali, operatori socio-sanitari e fisioterapisti. Un impegno continuo che non conosce né pause né festività nel tentativo di arginare, nei limiti delle disponibilità concrete di personale, la sofferenza dei malati e di sostenere le famiglie del territorio pavese.

Da Dammi la mano di Graziano Perotto. © Graziano Perotti.


Da Dammi la mano di Graziano Perotti. © Graziano Perotti.

(clicca su play nella barra qui sopra per ascoltare il commento di Graziano Perotti)


Il volume fotografico è nato in occasione del venticinquesimo anniversario dalla fondazione dell'Associazione Pavese per la Cura del Dolore Onlus Lino Sartori (cui ci si può rivolgere per l'acquisto del libro all'indirizzo riportato nella scheda tecnica al termine dell'articolo) con lo scopo di rendere merito ai volontari e sensibilizzare il maggior numero di persone possibile sulla delicata e fondamentale attività da loro svolta nel corso degli anni senza preoccuparsi di orari e festività. Un lavoro fotografico che comporta inevitabilmente profonde implicazioni etiche e richiede una sensibilità estremamente sviluppata per muoversi all'interno di situazioni umanamente assai complesse. I rischi nell'affrontare un impegno di questo tipo da parte di un fotografo sono infatti molteplici. Primo tra tutti quello di cadere nello stereotipo sofferenza. Ancor più difficile è però mantenersi in bilico tra il dovere professionale, che impone di irrompere nell'intimità di famiglie che stanno vivendo un dramma, e il rispetto dovuto ai soggetti.

Da Dammi la mano di Graziano Perotti. © Graziano Perotti.

Da Dammi la mano di Graziano Perotti. © Graziano Perotti.

(clicca su play nella barra qui sopra per ascoltare il commento di Graziano Perotti)


In queste situazioni davvero complesse e coinvolgenti sotto il profilo umano, Graziano Perotti più di una volta ha scelto di non scattare pur trovandosi di fronte a situazioni che per un fotografo rappresentano uno scatto di sicura riuscita. «Una volta – racconta Graziano Perotti – mi sono trovato a un passo da un abbraccio commovente. Le lacrime scorrevano e io mi trovavo proprio lì. Era la Foto, quella con la effe maiuscola, quella che tutti noi fotografi inseguiamo quotidianamente, quella che funziona. Ma mi sono detto "Graziano, ma che fai? Queste persone stanno soffrendo e vivono un momento intimo, non puoi fotografarle". E così non ho nemmeno portato la fotocamera all'occhio».
Al di là dell'aspetto professionale che si estrinseca nel lavoro di documentazione svolto, il grande merito di Graziano Perotti consiste, a mio avviso, nella capacità che ha avuto di sviluppare il progetto mantenendo quell'umanità che gli ha consentito di raccontare storie di terribili sofferenze documentando quanto stava accadendo senza ricercare drammatizzazioni superflue.

Da Dammi la mano di Graziano Perotti. © Stefano Pia.

Da Dammi la mano di Graziano Perotti. © Graziano Perotti.

(clicca su play nella barra qui sopra per ascoltare il commento di Graziano Perotti)


Che non sia stata un'impresa priva di difficoltà lo testimonia, a distanza di tempo dalla fine del lavoro, l'emozione sincera e intensa di Graziano Perotti quando torna ad affrontare l'argomento. Nonostante lo sforzo per dissimulare quel distacco professionale che ti aspetti durante un'intervista, abbiamo dovuto fare delle pause quando abbiamo registrato le audiodidascalie alle tre immagini che corredano questo articolo. L'emozione tangibile suscitata dai ricordi rievocati dalla visione delle immagini da lui stesso scattate, infatti, ci ha obbligato a delle pause per consentirgli di recuperare la necessaria fermezza nella voce.
Quando parla di questo lavoro, Graziano Perotti sottolinea spesso il ruolo delle mani che compaiono nelle sue immagini. Mentre stringono quelle dei volontari, i malati sembrano aggrapparsi alla vita nella ricerca di un contatto rassicurante. O ancora sembrano attaccarsi a un barlume di speranza offerto da una statuina in plastica piena di acqua benedetta. E, guardando la fotografia pubblicata proprio qui sopra, il senso del titolo del lavoro appare in tutta la sua evidenza di lancinante richiesta di aiuto di fronte all'ineluttabile. [ Sandro Iovine ]



Dammi la mano di Graziano Peroti, Associazione Pavese per la cura del dolore.titolo: Dammi la mano
autore: Graziano Perotti, testi di Lieto Sartori, Roberto Mutti, Graziano Perotti, Sebastiana Giustolisi, Danilo Mioti e Gionata Ferroni
ISBN: -
formato: 35x30cm
copertina: brossura
pagine: 60
editore: Associazione Pavese per la cura del dolore Lino Sartori | info@asslinosartori.it | tel. 0382 304781
prezzo: 15,00 € | 20,00 € edizione in lingua inglese | 50,00 € edizione in tiratura limitata di 100 copie, rilegata a mano in stile giapponese, stampa su carta Fedrigoni
anno: 2015




_ _ _

[ RISORSE ESTERNE ]
Graziano Perotti
Associazione Pavese per la Cura del Dolore Onlus Lino Sartori
Massimo Fiameni
Fedrigoni




share

pubblicato in data 11-04-2017 in NOTIZIE / LIBRI

altro in LIBRI



notizie recenti

FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Glenda Cinquegrana, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright