TerraProject PietroPaolini

Caso collettivo 11.227

1 / 7       © Pietro Paolini. Dalla serie Caso Collettivo 11.227.
2 / 7       © Pietro Paolini. Dalla serie Caso Collettivo 11.227.
3 / 7       © Pietro Paolini. Dalla serie Caso Collettivo 11.227.
4 / 7       © Pietro Paolini. Dalla serie Caso Collettivo 11.227.
5 / 7       © Pietro Paolini. Dalla serie Caso Collettivo 11.227.
6 / 7       © Pietro Paolini. Dalla serie Caso Collettivo 11.227.
7 / 7       © Pietro Paolini. Dalla serie Caso Collettivo 11.227.
Caso collettivo 11.227

Inaugura a Torino giovedì 28 gennaio 2016, alle ore 18,30, la mostra Caso Collettivo 11.227 di Pietro Paolini. Si tratta di un percorso che propone l'omonimo progetto realizzato in Sudamerica dal giovane fotografo fiorentino, membro del collettivo Terra Project, e volto a narrare «la storia, e le storie, della persecuzione del movimento Union Patriotica avvenuta in Colombia tra il 1986 e il 2006».
Fondata nel 1985 – in occasione del processo di pacificazione tra i gruppi ribelli d’ispirazione marxista-leninista FARC ed ELN e il presidente Belisario Betancur – l’Union Patriotica si presentò alle elezioni del 1986 promuovendo coraggiose riforme politiche e sociali, la nazionalizzazione delle risorse naturali e un modello economico nazionale slegato dal capitalismo globale. In quell'occasione, il movimento conquistò moltissimi voti (nessun partito di sinistra colombiano ne aveva mai raccolti tanti), ma tra il 1986 e il 2006 tutto cambiò. In quel ventennio, infatti, due suoi candidati presidenziali, otto congressisti, tredici deputati, settanta consiglieri, undici sindaci e circa tremila dei suoi militanti furono assassinati da gruppi paramilitari e membri delle forze di sicurezza di Stato. Una vicenda drammatica, di cui Paolini riporta alla luce i fatti più significativi attraverso una concatenazione di brevi racconti visivi. Vere e proprie storie, intrecciate dall'autore raccogliendo (e analizzando) i materiali forniti dalle famiglie coinvolte o trovati in archivi pubblici, fotografando i luoghi dove sono avvenuti i fatti e ritraendo i familiari delle vittime e i superstiti della strage. Attraverso questo meticoloso lavoro di ricerca e produzione iconografica, l'autore ha così «ricostruito la complessità degli avvenimenti, analizzando la loro sistematicità e ferocia, e rendendo umane e personali le singole vicende».
La mostra sarà esposta presso gli spazi dell’associazione Fluxlab, o meglio, presso il JEST - spazio per la cultura fotografica, una realtà creata dalla fotografa Francesca Cirilli e dal fotografo ed editore indipendente Tommaso Parrillo che, dal 28 gennaio, regalerà al capoluogo piemontese un nuovo spazio dedicato alla fotografia e alla sua promozione.

Caso Collettivo 11.227
JEST - spazio per la cultura fotografica, via Silvio Pellico, 8 - Torino
28 gennaio – 8 febbraio 2016

orario: da lunedì a giovedì, ore 16,00 - 19,00 | da venerdì a domenica, ore 17,00 - 21,00
ingresso: libero
info: info@jestfotografia.net
www.jestfotografia.net

– – –

[ RISORSE ESTERNE ]
Pietro Paolini
Terra Project
JEST – spazio per la cultura fotografica

pubblicità su FPmag



share

pubblicato in data 25-01-2016 in NOTIZIE / MOSTRE

altro in MOSTRE



notizie recenti

FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Glenda Cinquegrana, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano, Sara Zanini - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright