1 / 2       Goldschmied & Chiari, Nympheas #12, 2007. Lambda print (125x334cm). Courtesy le artiste, Grimaldi Gavin, Londra e Kristen Lorello, New York.

2 / 2       Il duo artistico Goldschmied & Chiari. © Giovanni De Angelis.

Women to Watch 2015

Il National Museum of Women in the Arts (NMWA) di Washington D.C. è un'istituzione impegnata nella tutela e nella promozione della creatività femminile di tutti i tempi. Per farlo organizza incontri, esposizioni ed eventi e, ogni due anni circa, allestisce una mostra tematica che ospita opere di artiste emergenti provenienti da quei paesi in cui il museo è presente con comitati nazionali. Questi ultimi, attraverso la stretta collaborazione con un'istituzione pubblica nazionale, propongono una rosa di cinque artiste, delle quali solo una viene selezionata dai curatori del museo per entrare a far parte dell'esposizione. L’obiettivo dell'iniziativa, intitolata Women to Watch, è infatti stimolare una risposta critica verso i lavori di artiste promettenti e meritevoli di attenzione a livello internazionale.
Il titolo dell'edizione del 2015, curata da Virginia Trenor, è Organic matters, e si propone di mettere in risalto il lavoro di quelle artiste che, partendo dalla natura intesa nella sua accezione più ampia, sono riuscite a intavolare una riflessione su tematiche ambientali e/o inerenti la sessualità e le politiche di genere. Il comitato italiano degli Amici del NMWA – l'associazione italiana costituita a Milano nel 2004 con lo scopo di sostenere la mission del NMWA sul nostro territorio – ha scelto di collaborare per l'occasione con il Museo del Novecento di Milano e, attraverso una selezione operata dalla curatrice Iolanda Ratti, ha candidato le seguenti artiste: Gabriella Ciancimino, Amalia del Ponte, Cleo Fariselli, Claudia Losi e il duo artistico Goldschmied & Chiari, composto da Sara Goldschmied (1975) e Eleonora Chiari (1971).
Proprio quest'ultime sono state scelte dal comitato curatoriale dell'NMWA come rappresentanti italiane all'interno dell'esposizione prima citata, che avrà luogo dal 5 giugno al 13 settembre 2015 negli spazi del museo americano. In questo contesto esporranno l'opera Nympheas #12, un'ironica e poetica rivisitazione dell'immaginario impressionistico di Claude Monet «che combina un registro aulico e uno più popolare, non tralasciando una riflessione su tematiche ambientali e di genere».
Inoltre, in occasione della partecipazione del National Museum of Women in the Arts a MiArt 2015 (Fieramilanocity, 10-12 aprile 2015), il duo artistico esporrà in anteprima due opere dal titolo Medusa Mirrors (digital print on mirror, 135x225cm), nate da una ricerca sul tema dello specchio come strumento d'illusione e in parte ispirate alle suggestioni del cinema surrealista. Per l'occasione, giovedì 9 aprile, alle ore 16,30, presso lo stand del NMWA (ST1) si terrà anche un incontro, promosso da Vhernier, che vedrà la partecipazione delle due artiste selezionate e di Claudia Pensotti Mosca, presidentessa dell’associazione italiana degli Amici del NMWA.

pubblicato in data 27-03-2015 in NOTIZIE / CONCORSI







altro in CONCORSI



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright