1 / 5       Lo stagno di Walé Bontongu dalla mostra I am Walé respect me / Forever Walé di Patrick Willocq. © Patrick Willocq.

2 / 5       Il cerchio chiuso delle Walé dalla mostra I am Walé respect me / Forever Walé di Patrick Willocq. © Patrick Willocq.

3 / 5       Leopard Walé dalla mostra I am Walé respect me / Forever Walé di Patrick Willocq. © Patrick Willocq.

4 / 5       Walé Bakuku, il piatto di formiche dalla mostra I am Walé respect me / Forever Walé di Patrick Willocq. © Patrick Willocq.

5 / 5       Walé Ntembe. La dubbiosa dalla mostra I am Walé respect me / Forever Walé di Patrick Willocq. © Patrick Willocq.

Sono una Walé: rispettami!

Inaugura il Primo ottobre, dalle ore 18,00 alle 24,00, presso Studio Clelia Belgrado - VisionQuesT contemporary photography a Genova, la mostra di Patrick Willocq I am Walé respect me / Forever Walé.
Si tratta di un progetto che riesce a coniugare contenuto reportagistico e artistico nel tentativo di creare un ponte con la cultura dei Pigmei Ekonda della Repubblica Democratica del Congo. All'interno di questa etnia, infatti, esiste un momento particolarmente importante nella vita di ogni donna, quello della nascita del primo figlio. Nella tradizione Ekonda la giovane madre, chiamata Walé (madre primipara), fa ritorno alla casa dei genitori dove rimarrà da due a cinque anni nel rispetto assoluto di una serie di tabù, in primis legati alla sessualità. Proprio questo prolungato passaggio rituale fa acquisire alla Walé uno status sociale che potrebbe essere paragonato a quello di un patriarca. La fine del periodo di isolamento viene celebrata con una cerimonia caratterizzata da danze e canti rituali codificati e creati appositamente, di volta in volta, per ogni Walé. L'occasione cerimoniale è anche motivo di affermazione sociale da parte delle famiglie che competono per l'acquisizione di onore, prestigio e potere.
La lunga permanenza all'interno dei villaggi ha permesso a Willocq di creare un forte rapporto di complicità con gli abitanti e ciò, a sua volta, ha consentito di creare artistiche messe in scena che sono specchio indiretto dei problemi sociali e delle esigenze di sviluppo di queste popolazioni. «Sono sempre stato affascinato – racconta Willocq – dalle tribù indigene, perché sento che esse sono custodi di una forma di ricchezza per noi irrimediabilmente persa, il rituale delle Walé è un meraviglioso tributo alla maternità, alla fertilità e alla femminilità. Per questo motivo ho proposto ad alcune donne Walé che ho conosciuto negli anni di partecipare a una sorta di messa in scena in grado di testimoniare una parte della loro storia personale. Ogni immagine rappresenta in chiave visiva la canzone cantata dalla donna Walé durante il giorno più importante della propria vita: quello del ritorno al villaggio».

I am Walé respect me / Forever Walé
Studio Clelia Belgrado - VisionQuesT contemporary photography, piazza Invrea, 4R - Genova
2 ottobre – 29 novembre 2015

orario: da mercoledì a sabato, ore 15,30 - 19,30 | su appuntamento in altri giorni e orari
ingresso: libero
info: 010 2476642
info@visionquest.it
www.visionquest.it

pubblicato in data 01-10-2015 in NOTIZIE / MOSTRE

PatrickWillocq






altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright