1 / 4       Strada di Maras, Maras, Peru, aprile 2014. © Juan Manuel Castro Prieto/Agence VU’.

2 / 4       Nazaria Alpérez e Alejandra Checia. Santo Tomás, Chumbivilcas, Peru, 2009. © Juan Manuel Castro Prieto/Agence VU’.

3 / 4       Durante la visita alla mostra Pérou,Vallée sacrée di Jaun Manuel Castro Prieto. © Stefania Biamonti/FPmag.

4 / 4       Durante la visita alla mostra Pérou,Vallée sacrée di Jaun Manuel Castro Prieto.
ATTENZIONE: per navigare nella foto cliccare, attendere il caricamento completo (in alto a sinistra) e tenendo premuto il tasto del mouse spostarsi verso destra/sinistra (sui dispositivi mobili far scorrere verso destra/sinistra il dito sul display o ruotare il dispositivo dopo aver toccato l'icona della mano con le frecce). © FPmag.

Perù: la valle sacra

Il testo introduttivo spiega al visitatore che Castro Prieto, nel 1990, aveva trasferito la propria camera oscura a Cuzco, dove aveva realizzato le migliori stampe mai fatte prima di quel momento del lavoro di Martin Chambi. A distanza di una ventina di anni l'opera del fotografo peruviano diventa la fonte di ispirazione per una serie di viaggi fotografici nella nazione sudamericana in cui Castro Prieto trova una propria chiave di lettura che si distacca dall'impronta del fotografo peruviano pur ripercorrendono le orme. L'impiego del colore e una coscienza aggiornata da quasi un secolo in più di storia della fotografia mondiale rendono le immagini totalmente autonome nel loro sviluppo, pur permettendo di riconoscere a livello di contesti esterni la profonda conoscenza dell'opera di Chambi.
La mostra è decisamente molto gratificante per l'occhio del visitatore, che può confrontarsi con l'alterazione del reale implicita nel gesto fotografico. Attitudine sottolineata dal frequente impiego di leziose sfocature che si propongono come sottolineature di campo inconsuete per chi non è abituato a frequentare immagini realizzate con apparecchi a corpi mobili. Si esce dalla Chapelle du Thiers-Ordre dopo aver visto immagini potenti, talvolta al limite dell'onirico, con gli occhi pieni di bellezza dal sapore antico e, se si ha una sensibilità e una cultura minime, anche con interessanti riflessioni sulla natura del medium.
Tutto davvero molto bello, ma con il fotogiornalismo, sia pure in radicale trasformazione, cosa c'entra? [ S. I. ]

- - -

PERÙ: LA VALLE SACRA
di Juan Manuel Castro Prieto
Chapelle du Thiers-Ordre | fino al 13 settembre 2015
ingresso: gratuito

pubblicato in data 04-09-2015 in NOTIZIE / MOSTRE

VISA2015






altro in MOSTRE



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright