pubblicità su FPmag

Mario Cresci Castello Sforzesco 1 / 4       Dalla mostra In Aliam Figuram Mutare. © Mario Cresci

Mario Cresci Castello Sforzesco 2 / 4       Dalla mostra In Aliam Figuram Mutare. © Mario Cresci

Mario Cresci Castello Sforzesco 3 / 4       Dalla mostra In Aliam Figuram Mutare. © Mario Cresci

Mario Cresci Castello Sforzesco 4 / 4       Dalla mostra In Aliam Figuram Mutare. © Mario Cresci

La Pietà di Mario Cresci

In corso fino al 25 settembre 2016, presso il Castello Sforzesco di Milano, la mostra Mario Cresci In Aliam Figuram Mutare. Interazioni con la Pietà Rondanini di Michelangelo, un lavoro ideato dallo stesso Cresci che ha trovato nelle Istituzioni museali del Castello interlocutori attenti a cogliere una proposta così impegnativa e rischiosa.

Mario Cresci Castello Sforzesco
Durante la conferenza di presentazione della mostra In Aliam Figuram Mutare, martedì 24 maggio 2016, Sala conferenze Raccolta Bertarelli ‐ Archivio, Milano Fotografico. © Eleonora Angiolini.

La mostra è allestita nelle Sale dell’ Antico Ospedale Spagnolo, adiacenti alla sala in cui è stata recentemente ricollocata la Pietà Rondanini: il confronto dialettico tra la ricerca fotografica di Cresci e il capolavoro michelangiolesco nasce spontaneo e lo spettatore è chiamato a una nuova lettura della scultura, ineguagliabile nella sua modernità stilistica. È noto che la Pietà Rondanini è l’ultima scultura alla quale Michelangelo stava lavorando prima di morire, senza riuscire a terminarla: ma proprio questa incompiutezza, con il marmo sbozzato che caratterizza il gruppo marmoreo – peraltro spezzato da una vistosa rottura tra una spalla e un braccio – rende la statua così contemporanea nel linguaggio, come se l’incompiutezza fosse la dimostrazione della tragica impossibilità o dell’estremo tentativo di rappresentare il dolore.
Di fronte a un capolavoro del genere Cresci ha saputo costruire ‒ con un lungo lavoro protrattosi per qualche anno ‒ una vera e propria riflessione visiva attraverso sequenze di fotografie che si susseguono con piccoli spostamenti del punto di vista, ruotando attorno alla statua, quasi sempre ripresa su fondo nero, e svelandone sempre nuove visioni. Ma è con la luce che Cresci crea nuovi scenari: lame potenti o discrete di luce colpiscono a volte la statua o attraversano il fotogramma quasi a voler interrompere la sacralità del manufatto e, nello stesso tempo, conferendogli una nuova aura. Un’aura ancor più accentuata dove alcuni dettagli del capolavoro sono immersi in neri profondi costellati di punti luminosi, come un universo che tutto comprende mortificando qualsiasi velleità raziocinante. Il mistero e il sublime.
La fotografia di opere scultoree appartiene a una della tradizioni più consolidate della pratica fotografica, ma è stata di solito sviluppata lungo strade tradizionali, tra la documentazione accuratamente asettica e il dialogo con l’ambiente ospitante. Occorreva un fotografo come Cresci, ottimo mediatore tra documentazione e concettualismo di marca buona, per proporre e realizzare un lavoro atipico, dove il confronto con un capolavoro assoluto della storia dell’arte avviene, come è giusto che sia, su piani diversi, in terre inconsuete per il linguaggio fotografico, lontane dalla mera documentazione e da certi concettualismi così tanto praticati e di moda.

Mario Cresci Castello Sforzesco Durante la conferenza di presentazione della mostra In Aliam Figuram Mutare, martedì 24 maggio 2016, Sala conferenze Raccolta Bertarelli ‐ Archivio, Milano Fotografico. © Eleonora Angiolini.


E, per finire, con un geniale salto concettuale e operativo, l’artista completa la mostra con una serie di moderne Pietà, ottenute attraverso fotografie stampate a grandezza naturale di profughi avvolti nelle sintetiche coperte termiche: fagotti di persone che ci fanno interrogare sulla condizione dell’uomo ai nostri tempi e, in particolare, al biblico fenomeno di emigrazione in corso tra Africa, Medio Oriente e Europa. Non più attraverso le crude, a volte violentissime, fotografie del reportage classico, ma attraverso la citazione artistica che trasforma il colore metallico argentato di una coperta termica in un mantello di dolore. Grazie Mario.

[ Pio Tarantini ]



Mario Cresci In Aliam Figuram Mutare
Interazioni con la Pietà Rondanini di Michelangelo

Castello Sforzesco, Sale dell'Antico Ospedale Spagnolo, piazza Castello - Milano
25 maggio – 25 settembre 2016

orario: da martedì a domenica, ore 9,00 - 17,30 | chiuso il lunedì
ingresso: libero
info: 02 88463664/63660
c.infocastello@comune.milano.it
www.milanocastello.it


_ _ _

[ RISORSE INTERNE ]
◉ [ mostre ] William Klein. Il mondo a modo suo
◉ [ meltingpot ] Herb Ritts: ritratti patinati di fine secolo
◉ [ mostre ] In bilico nel tempo. Opere di Mario Cresci
◉ [ mostre ] Mario Cresci: Racconti privati

[ RISORSE ESTERNE ]
Castello Sforzesco

pubblicità su FPmag

pubblicato in data 27-06-2016 in NOTIZIE / FPART

CastelloSforzesco PioTarantini MarioCresci






altro in FPART



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright