Wadi Salib, Haifa, Israele. © Paolo Becciu

The Embodiment of Home Un foro stenopeico riporta la vita della città nelle case abbandonate di Wadi Salib ad Haifa grazie al progetto artistico di Megan Van Beuge e Paolo Becciu

Il progetto The Embodiment of Home di Megan Van Beuge e Paolo Becciu nasce con lo scopo di esplorare e approfondire il concetto di Home (Casa). La decisione è nata nel momento in cui sono entrati in contatto con il quartiere di Wadi Salib nel centro di Haifa, in Israele. Ormai praticamente disabitato, le costruzioni abitative che lo definiscono sono destinate con grande probabilità a essere abbattute. Se la Casa è quel posto sicuro in cui rifugiarsi e vivere i propri momenti più intimi, è altresì il luogo in cui viene custodita la memoria individuale da cui nascono esperienze nuove. Per questo la Casa è un punto di riferimento imprescindibile per chi la vive.
Cosa accade quando però viene meno l'elemento della sicurezza e della stabilità? Cosa accade se un giorno si perde il possesso dei luoghi che costituiscono la Casa? Il quartiere di Wadi Salib rappresenta per molti aspetti la risposta concreta a questo tipo di interrogativo. La sua travagliata storia. Abbandonato durante la guerra arabo-israeliana del 1948 è diventato rifugio per gli immigrati provenienti dai paesi africani e mediorientali che non hanno saputo creare tra loro sufficienti livelli di integrazione sociale finendo per abbandonare il quartiere che al giorno d'oggi è praticamente disabitato. Quelle che rimangono sono solamente le tracce labili di un passato di vite transitate per quelle mura.
Di fronte all'abbandono di Wadi Salib, Haifa continua a vivere. Megan Van Beuge e Paolo Becciu hanno portato all'interno delle case disabilitate la vita della città che fronteggia questi palazzi abbandonati. Per farlo stanno utilizzando la tecnica del foro stenopeico, proiettando e dando corpo all’interno di quelle che un tempo per la gente furono Case, le immagini di ciò che invece Haifa è adesso, la città il porto gli edifici moderni…

FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Glenda Cinquegrana, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright