Pio Tarantini, Due città molti mari. © Pio Tarantini.

DUE CITTÀ, MOLTI MARI Brindisi e Taranto: parole e immagini di Pio Tarantini

Ho accettato con entusiasmo la proposta pervenutami, attraverso l’operatore leccese Ettore Bambi, di partecipare a questo progetto Borghi. Viaggio italiano. Educational tour dedicato ai percorsi di slow travel nei borghi marinari della Puglia promosso dalla Regione Puglia, Assessorato al Turismo, che ha visto nel mese di giugno 2017 una nutrita schiera di operatori ‒ giornalisti, scrittori, intellettuali ‒ provenienti da tutta Italia, impegnati nella lettura dei numerosi borghi marini disseminati lungo la costa pugliese.
Il progetto prevedeva che gli operatori interessati lavorassero in distinte coppie, ciascuna applicata a un paio di siti specifici, guidati da operatori locali che precedentemente si erano attivati per costruire itinerari mirati e incontri con persone significative per la loro esperienza diretta nelle città interessate.
Al sottoscritto, chiamato a far parte di questo progetto nella mia doppia funzione di fotografo e pubblicista, sono state assegnate, in un lavoro di coppia eseguito insieme al giornalista Paolo Marcesini ‒ direttore della rivista Memo - Grandi Magazzini Culturali ‒ le città di Brindisi e Taranto. Due realtà marinare pugliesi simili per molti aspetti e diverse per molti altri.
Ambedue segnate profondamente dalla presenza di due porti naturali tra i più belli d’Italia hanno vissuto più delle altre città pugliesi, sin dai primi anni Sessanta, il processo di veloce industrializzazione declinata secondo il modello dalla grande industria di Stato e che ne ha segnato profondamente e definitivamente lo sviluppo e le relative conseguenze, nel bene e nel male.
È stato molto interessante scoprire realtà vecchie e nuove, profondamente radicate o recenti se non nascenti, legate alla cultura, alla imprenditorialità, al turismo. Sono ambiti che costituiscono l’ossatura portante di un territorio in bilico tra passato e futuro, alla ricerca di un nuovo assetto socio-economico in cui le bellezze naturali, unite alla nota capacità commerciale e imprenditoriale dei pugliesi, possano aprire nuovi scenari di sviluppo.
Guida locale, nella nostra avventura, è stata Francesco Pacella, per conto della Società Proago, che ci ha accompagnato con passione e partecipazione, mettendoci in contatto con molte persone che altrimenti sarebbe stato difficile conoscere, dal pescatore-poeta e marinaio Franco Romanelli, a Brindisi, all’eclettico Giovanni Guarino che ci ha introdotto con grande potenza affabulatoria allo svelamento della città vecchia di Taranto. [ Pio Tarantini ]

Pio Tarantini, Dettaglio di un'installazione all’interno del Museo Archeologico Provinciale di Brindisi. © Pio Tarantini. Pio Tarantini, Dettaglio di un'installazione all’interno del Museo Archeologico Provinciale di Brindisi. © Pio Tarantini.

1 | La terra del ritorno Il ritorno nelle terre di origine e il sentimento di nostalgia sempre in agguato nel racconto di Pio Tarantini

Pio Tarantini, Vogatori dell'Assocciazione Remuri, Brindisi. © Pio Tarantini. Pio Tarantini, Vogatori dell'Assocciazione Remuri, Brindisi. © Pio Tarantini.

2 | Uno strumento di indagine sociale Da poco alla fotografia è riconosciuta la dignità di strumento d'indagine

Pio Tarantini, Un dettaglio dell'allestimento del Museo Provinciale, Brindisi. © Pio Tarantini. Pio Tarantini, Un dettaglio dell'allestimento del Museo Provinciale, Brindisi. © Pio Tarantini.

3 | Brindisi, porto per l’Oriente, ma non solo Brindisi, divisa tra il porto, le bellezze turistiche e gli impianti industriali

Pio Tarantini, Per le vie della città vecchia, Taranto. © Pio Tarantini. Pio Tarantini, Per le vie della città vecchia, Taranto. © Pio Tarantini.

6 | Taranto, un'antica capitale Una città che si identifica con le sorti della sua realtà industriale

Pio Tarantini, Per le vie della città vecchia, Taranto. © Pio Tarantini. Pio Tarantini, Per le vie della città vecchia, Taranto. © Pio Tarantini.

7 | Taranto, sugli strati della storia Una città ricca di storia, che vive comunque nel presente

share

FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Glenda Cinquegrana, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano, Sara Zanini - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright