GalleriaCivicaModena MarcoMariaZanin

Sintomi di valori archetipici

Marco Maria Zanin, Senza Titolo I, 2017. Stampa fine-art su carta cotone, 20x25 cm. © Marco Maria Zanin. 1 / 2       Marco Maria Zanin, Senza Titolo I, 2017. Stampa fine-art su carta cotone, 20x25 cm. © Marco Maria Zanin.

Marco Maria Zanin, Maggese I, 2016. Stampa fine-art su carta cotone, 110x137,5 cm. © Marco Maria Zanin. 2 / 2       Marco Maria Zanin, Maggese I, 2016. Stampa fine-art su carta cotone, 110x137,5 cm. © Marco Maria Zanin.

Sintomi di valori archetipici

Dio è nei frammenti è il titolo della mostra di Marco Maria Zanin, patrocinata dall'Ambasciata del Brasile, che si inaugura a Modena sabato 20 maggio 2017, alle ore 18,00, nelle sale superiori di Palazzo Santa Margherita e in occasione della Notte europea dei Musei.

L'esposizione, curata da Daniele De Luigi e Serena Goldoni, si compone di fotografie e sculture attraverso le quali Zanin indaga il tema della memoria e delle radici della società contemporanea, fulcro portante della sua ricerca. L'analisi viene svolta attraverso la reinterpretazione di quegli scarti prodotti dal tempo che rivelano la sopravvivenza di valori umani archetipici a dispetto dello scorrere delle epoche.

Normali attrezzi di uso contadino sono stati tagliati e fotografi da Marco Maria Zanin, che in questo modo ne ha sottolineato le valenze quasi totemiche, mentre recuperando frammenti di edifici moderni demoliti l'autore ha generato calchi in porcellana o nature morte che, innescando un dialogo con Giorgio Morandi, vogliono rappresentare «un invito a lavorare con la materia psichica della memoria assieme all'immaginazione».

Interessante notare, infine, che il campo di ricerca si muove tra i sintomi, per utilizzare la definizione dello storico dell'arte e filosofo francese Georges Didi-Huberman, della civiltà rurale venata e la megalopoli di San Paolo del Brasile, dove Zanin vive parte dell'anno, aree geografiche decisamente distanti tra loro, ma sotterraneamente collegate dai fenomeni migratori che hanno caratterizzato i rapporti tra Italia e Brasile tra il XIX e il XX secolo.

Il progetto di 

Marco Maria Zanin è stato selezionato dalla Galleria Civica di Modena nell'ambito di Level 0, il progetto promosso da ArtVerona, in collaborazione con ben quattordici musei e istituzioni d’arte contemporanea italiani, allo scopo di fornire supporto e visibilità agli artisti emergenti esposti in occasione dell’ultima edizione della fiera, dove l'artista era proposto dalla Galleria Spazio Nuovo di Roma.

Marco Maria Zanin. Dio è nei frammenti
Galleria Civica di Modena, Palazzo Santa Margherita, corso Canal Grande, 103 - Modena
21 maggio – 16 luglio 2017

orario: da mercoledì a venerdì, ore 10,30 - 13,00 e 16,00 - 19,30 | sabato, domenica e festivi, ore 10,30 - 19,30 | chiuso lunedì e martedì
ingresso: libero
info: 059 2032911 - 2032940
www.galleriacivicadimodena.it



_ _ _

[ RISORSE INTERNE]
[ percorsi tematici ] Sampolaroid di Marco Maria Zanin
[ post.cast ] Marco Maria Zanin: Love me

[ RISORSE ESTERNE ]
Marco Maria Zanin
Galleria Civica di Modena
ArtVerona





pubblicità su FPmag



share

pubblicato in data 18-04-2017 in NOTIZIE / MOSTRE

altro in MOSTRE



notizie recenti

FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Glenda Cinquegrana, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano, Sara Zanini - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright