FPschool, corso di Linguaggio e lettura delle immagini, docente Sandro Iovine

pubblicità su FPmag
PioTarantini

Il mio presepe, la mia libertà, la libertà

Pio Tarantini, Presepe. © Pio Tarantini. Pio Tarantini, Presepe. © Pio Tarantini.

Il mio presepe, la mia libertà, la libertà

Il piccolo presepe raffigurato nella fotografia che illustra in apertura queste note fu costruito da me circa un quarto di secolo fa perché mio figlio, allora molto piccolo, potesse apprezzare la grande tradizione salentina della cartapesta legata alla iconografia sacra. Da illuminista laico mi piace recuperare – almeno come citazione, se non nella pratica operativa reale – questa parte importante delle mie radici: da allora quel presepe, che è riposto in una scatola di cartone, viene rimesso in casa ogni anno durante le festività natalizie come testimonianza di una tradizione che mi appartiene, al di là delle personali convinzioni religiose.
Al proposito ho letto in questi giorni, sulla stampa e sui social, dibattiti accesi e polemici sulla presenza del presepe in alcuni luoghi pubblici, in particolare nelle scuole: tra le altre opinioni condivido pienamente la posizione espressa recentemente su questa questione da Michele Serra, nella sua rubrica L’amaca, in cui difende la libertà di poter esporre il presepe come manifestazione importante della nostra cultura e tradizione.

Pio Tarantini, dalla serie Arte sacra minore nel Salento. © Pio Tarantini. Pio Tarantini, dalla serie Arte sacra minore nel Salento. © Pio Tarantini.

Sono contro questa deriva del politicamente corretto ad ogni costo, una deriva che spesso sfiora il grottesco e l’assurdo come alcune deliranti proposte – non so se poi attuate veramente – di alcuni docenti universitari americani di censurare alcuni versi, se non opere intere, di Shakespeare perché potrebbero offendere la sensibilità di alcuni gruppi sociali. Come se la storia non esistesse, come se il contesto storico valesse meno di zero! Mah! Che dire, la stupidità non è una questione di campi o livelli culturali.
Ma, tornando alla brevi riflessioni che mi permetto di porre eccezionalmente in questa sede – orientata quasi esclusivamente ai fenomeni della fotografia e dell’arte −, pur non essendo cattolico io rivendico la libertà di poter esprimere, sia in privato che in pubblico, una parte importante della mia tradizione e cultura senza per questo dovermi sentire in colpa verso determinati gruppi sociali e in questo senso è illuminante il prezioso saggio Elogio dell’Occidente dell’antropologo e sociologo Franco La Cecla (Elèuthera, Milano, 2016), una lucida disamina storico-filosofico-scientifica delle colpe e dei meriti della civiltà occidentale e dei suoi rapporti con le altre civiltà.

Pio Tarantini, dalla serie Arte sacra minore nel Salento. © Pio Tarantini. Pio Tarantini, dalla serie Arte sacra minore nel Salento. © Pio Tarantini.

Per il resto, invece di discutere se esporre il presepe o meno sarebbe meglio pensare ai problemi seri che affliggono il mondo contemporaneo e – tralasciando i falsi buoni propositi di una festività natalizia diventata ormai in gran parte un fenomeno di consumo – augurarci davvero che il nuovo anno porti un po’ di saggezza e prudenza in un mondo che sta arrivando addirittura a sfiorare una guerra nucleare perché alcune grandi potenze hanno giocato con un feroce e folle dittatore, consentendogli di armarsi in questo modo, in nome dei loro interessi geopolitici.

Pio Tarantini, dalla serie Arte sacra minore nel Salento. © Pio Tarantini. Pio Tarantini, dalla serie Arte sacra minore nel Salento. © Pio Tarantini.

Ogni tanto comunque arriva qualche buona notizia, come l’approvazione della legge sul bio-testamento, una legge di civiltà che, tanto per cambiare, la parte più retriva del Paese ha avversato e avversa in nome di presunti principi morali. Capita così di trovarsi in una cena di Natale e, nell’ambito di una civile discussione, sentire intervenire qualcuno che definisce la legge un assassinio legalizzato: il cerchio così si chiude tra le esagerazioni del politicamente corretto e quelle di un’etica pretestuosa, condizionata da chiusura mentale e interessi politici.
Ma, nonostante tutto, continuiamo pure a credere che qualcosa si può fare per combattere queste derive.
Buon anno a tutti. [ Pio Tarantini ]


_ _ _

[ RISORSE INTERNE ]
◉ [ FPart ] FPart: la rubrica di Pio Tarantini

FPschool, corso di Linguaggio e lettura delle immagini, docente Sandro Iovine

pubblicità su FPmag



share

pubblicato in data 20-12-2017 in NOTIZIE / FPART



altro in FPART



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright