The Art Incubator.

pubblicità su FPmag
MASTbologna ArtCityBologna2017 UrsStahel PieterHugo ArminLinke

Il lavoro in movimento

Ad Nuis, Petrolio & Paradiso, 10 viaggi in Azerbaigian, 2013. Videoproiezione a 2 canali, 30'. © Ad Nuis. Courtesy of the artist and Paradox1 / 13       Ad Nuis, Petrolio & Paradiso, 10 viaggi in Azerbaigian, 2013. Videoproiezione a 2 canali, 30'. © Ad Nuis. Courtesy of the artist and Paradox.

Pieter Hugo, Errore Permanente, 2010. Videoinstallazione con 10 monitor. Collezione MAST. © Pieter Hugo. Courtesy of the artist and Priska Pasquer Gallery, Cologne2 / 13       Pieter Hugo, Errore Permanente, 2010. Videoinstallazione con 10 monitor. Collezione MAST. © Pieter Hugo. Courtesy of the artist and Priska Pasquer Gallery, Cologne.

Eva Leitolf, Un gruppo industriale, una città / Company Town, 2015-2016. 24 immagini e 30 testi proiettati in sequenze continue su 5 schermi, 12’, loop. Creato in cooperazione con il Kunstmuseum Wolfsburg per la mostra “Wolfsburg Unlimited” (2016). © Eva Leitolf. Courtesy of the artist3 / 13       Eva Leitolf, Un gruppo industriale, una città / Company Town , 2015-2016. 24 immagini e 30 testi proiettati in sequenze continue su 5 schermi, 12’, loop. Creato in cooperazione con il Kunstmuseum Wolfsburg per la mostra Wolfsburg Unlimited (2016). © Eva Leitolf. Courtesy of the artist.

Yuri Ancarani, Piattaforma Luna, 2011. Pellicola 35mm, 5.1 dolby digital, videoproiezione a un canale, 25’. Collezione MAST. © Yuri Ancarani. Courtesy of the artist and Gallery ZERO, Milan4 / 13       Yuri Ancarani, Piattaforma Luna, 2011. Pellicola 35mm, 5.1 dolby digital, videoproiezione a un canale, 25’. Collezione MAST. © Yuri Ancarani. Courtesy of the artist and Gallery ZERO, Milan.

Chen Chieh-jen, Fabbrica, 2003. Videoproiezione a un canale, 31’9’’, loop. © Chen Chieh-jen. Courtesy of the artist5 / 13       Chen Chieh-jen, Fabbrica, 2003. Videoproiezione a un canale, 31’9’’, loop. © Chen Chieh-jen. Courtesy of the artist.

Willie Doherty, Vuoto, 2006. Videoproiezione in 16:9, colore, suono, 8’, loop. © Willie Doherty. Courtesy Collection Irish Museum of Modern Art, Dublin (Purchase 2006)6 / 13       Willie Doherty, Vuoto, 2006. Videoproiezione in 16:9, colore, suono, 8’, loop. © Willie Doherty. Courtesy Collection Irish Museum of Modern Art, Dublin (Purchase 2006).

Harun Farocki / Antje Ehmann, Lavoro in un unico piano sequenza, 2011. 15 monitor, su ciascuno 6 video di un minuto. © Harun Farocki / Ante Ehmann. Courtesy of Antje Ehmann, Berlin7 / 13       Harun Farocki / Antje Ehmann, Lavoro in un unico piano sequenza, 2011. 15 monitor, su ciascuno 6 video di un minuto. © Harun Farocki / Ante Ehmann. Courtesy of Antje Ehmann, Berlin.

Gaëlle Boucand, JJA, 2012. Videoproiezione HD, 50’. © Gaëlle Boucand / Red Shoes Production8 / 13       Gaëlle Boucand, JJA, 2012. Videoproiezione HD, 50’. © Gaëlle Boucand / Red Shoes Production.

Ali Kazma, O.K., 2010. Video a 7 canali, loop. © Ali Kazma. Courtesy of the artist and Vehbi Koç Foundation. (Production Still; ph. Selen Korkst)9 / 13       Ali Kazma, O.K., 2010. Video a 7 canali, loop. © Ali Kazma. Courtesy of the artist and Vehbi Koç Foundation. (Production Still; ph. Selen Korkst).

Gabriela Löffel, Il Caso, 2015. Installazione, video a due canali, cuffie, HD, stereo, 33’51”. © Gabriela Löffel. Courtesy of the artist10 / 13       Gabriela Löffel, Il Caso, 2015. Installazione, video a due canali, cuffie, HD, stereo, 33’51”. © Gabriela Löffel. Courtesy of the artist.

Thomas Vroege, Che Dio mi assista, 2014. Videoproiezione, 23’. © Thomas Vroege. Courtesy of the artist and Paradox11 / 13       Thomas Vroege, Che Dio mi assista, 2014. Videoproiezione, 23’. © Thomas Vroege. Courtesy of the artist and Paradox.

Julika Rudelius, Rituali, 2012. Videoinstallazione, videoproiezione HD, 11’53’’. © Julika Rudelius. Courtesy of the artist12 / 13       Julika Rudelius, Rituali, 2012. Videoinstallazione, videoproiezione HD, 11’53’’. © Julika Rudelius. Courtesy of the artist.

Armin Linke, Stormo, 2008. Videoproiezione a un canale, 13’26’’, loop. Progetto cinematografico interdisciplinare sviluppato durante una collaborazione tra il Centro per la Meccanica Statistica e la Complessità (SMC) dell'Università La Sapienza di Roma, lo ZKM (Centro per l'Arte e la Tecnologia dei Media) di Karlsruhe e le facoltà di Fotografia e Media Art 3D dell'Università delle Arti e del Design di Karlsruhe. © Armin Linke. Courtesy of the artist, con il sostegno di Goethe-Institut Rome, HFG Karlsruhe13 / 13       Armin Linke, Stormo, 2008. Videoproiezione a un canale, 13’26’’, loop. Progetto cinematografico interdisciplinare sviluppato durante una collaborazione tra il Centro per la Meccanica Statistica e la Complessità (SMC) dell'Università La Sapienza di Roma, lo ZKM (Centro per l'Arte e la Tecnologia dei Media) di Karlsruhe e le facoltà di Fotografia e Media Art 3D dell'Università delle Arti e del Design di Karlsruhe. © Armin Linke. Courtesy of the artist, con il sostegno di Goethe-Institut Rome, HFG Karlsruhe.

Il lavoro in movimento

Si intitola Lavoro in movimento. Lo sguardo della videocamera sul comportamento sociale ed economico ed è il primo progetto espositivo della Fondazione MAST di Bologna interamente dedicato all’immagine in movimento. La mostra, curata come sempre da Urs Stahel, riunisce infatti una selezione di diciotto opere, tra video e installazioni, incentrati sulle trasformazioni in atto nel mondo del lavoro, della produzione e del commercio realizzati da quattordici artisti di fama internazionale.

Protagonisti dell'esposizione saranno
Yuri Ancarani, Gaëlle Boucand, Chen Chieh-jen, Willie Doherty, Harun Farocki / Antje Ehmann, Pieter Hugo, Ali Kazma, Eva Leitolf, Armin Linke, Gabriela Löffel, Ad Nuis, Julika Rudelius e Thomas Vroege. Autori le cui interpretazioni filmate della realtà vengono in questo contesto messe a confronto – in un serrato quanto simbolico dialogo, esaltato da un allestimento ricercato ed estremamente funzionale – per restituire ai visitatori la rappresentazione visiva di uno scenario sociale ed economico in continuo movimento. Un percorso intenso e suggestivo che gravita attorno alle dinamiche che circondano gli ambienti produttivi più diversi, mostrando dall’attività artigianale di un singolo individuo alla produzione di massa, dal lavoro umano a quello robotizzato, dalla produzione di energia a quella di beni e servizi high-tech, dallo sviluppo del prodotto alla contrattazione commerciale, dalle sfide di natura legale alle questioni strutturali ed esistenziali legate al sistema finanziario. E molto altro.

Come spiega infatti Urs Stahel nel testo di presentazione della mostra: «Viviamo in tempi in cui la realtà è una dimensione in movimento – la percepiamo come un insieme di piani paralleli che si affiancano, si susseguono, si sovrappongono. La mostra ne traccia un resoconto visivo attraverso una selezione di video che si configurano come piccole galassie, nelle quali la singola opera ha un valore autonomo ma trova il suo significato soprattutto in relazione alle altre, di cui diventa di volta in volta commento, critica, o tacita risposta. L’intensità spesso toccante, la forza e la ricchezza di queste immagini in movimento restituiscono con forme, meccanismi narrativi e linguaggi visivi diversi, l’evoluzione del mondo del lavoro e della nostra vita».

Lavoro in movimento.
Lo sguardo della videocamera sul comportamento sociale ed economico
MAST.Gallery, via Speranza, 42 - Bologna
25 gennaio – 17 aprile 2017

orario: da martedì a domenica, ore 10,00 - 19,00 | lunedì chiuso | aperture speciali in occasione di Arte Fiera: venerdì 27 gennaio, ore 10,00 - 18,00; sabato 28 gennaio, ore 10,00 - 23,00 (ART CITY White Night); domenica 29 gennaio, ore 10,00 - 20,00
ingresso: gratuito
info: segreteria@fondazionemast.org
www.mast.org


_ _ _

[ RISORSE INTERNE ]
◉ [ mostre ] Armin Linke. L’apparenza di ciò che non si vede
◉ [ eventi ]
Arte Fiera 2017

[ RISORSE ESTERNE ]
Fondazione MAST

The Art Incubator
pubblicità su FPmag



share

pubblicato in data 28-01-2017 in NOTIZIE / MOSTRE

altro in MOSTRE



notizie recenti

FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Glenda Cinquegrana, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright