Friuli Venezia Giulia Fotografia 2017

pubblicità su FPmag
AngelaCapurso PioTarantini

I Confini della Capurso a Torino

Angela Capurso, dal volume Confini / Borders. © Angela Capurso.
Angela Capurso, dal volume Confini / Borders. © Angela Capurso.

I Confini della Capurso a Torino

Parlare e scrivere intorno all’idea di confine può apparire oggi un tema molto di moda, praticato su diversi livelli di lettura antropologico-sociale: da quello più semplice e demagogico che per comodità possiamo definire populista ─ sia nelle sue analisi che nelle relative terapie ─ a quello più complesso che cerca di indagare le dinamiche storiche, sociali e politiche che stanno dietro questo concetto.

Angela Capurso, dal volume Confini / Borders. © Angela Capurso.
Angela Capurso, dal volume Confini / Borders. © Angela Capurso.

Ai giorni nostri esistono diverse aree del mondo dove la sorte di interi popoli si gioca sui confini, intesi non nella loro valenza astratta ma proprio come confini fisici che separano le nazioni. Basti pensare all’annosa questione del confine tra gli USA e il Messico, accentuata prepotentemente con la Presidenza Trump, oppure a quella tra Israele e Palestina o a quella che ci riguarda ancor più da vicino tra i Paesi del Medio Oriente e dell’Africa e l’Europa.
Il Mezzogiorno d’Italia svolge da molti anni, in questo ambito, un ruolo fondamentale dovuto alla sua posizione geografica, una sorta di ponte che si allarga nel mediterraneo meridionale, dalle coste orientali della Puglia a quelle centrali e decentrate completamente a Sud della Sicilia e del suo avamposto, Lampedusa.

Angela Capurso, dal volume Confini / Borders. © Angela Capurso.
Angela Capurso, dal volume Confini / Borders. © Angela Capurso.

Un tema scottante dunque con il quale ha voluto misurarsi Angela Capurso, un’intellettuale ─ docente di latino e greco, specializzata in Archeologia classica, di stanza a Matera ─ che non è una fotografa nel senso stretto del termine ma che si serve della fotografia per costruire dei discorsi complessi in cui la narrazione scritta si accompagna a quella visiva. Nasce così il volume Confini / Borders (2016), in cui l’autrice si costruisce un percorso reale e nello stesso tempo metaforico intorno a un itinerario che si sviluppa sulle aspre colline tra Puglia e Basilicata. Un territorio che Angela Capurso conosce bene anche per le sue competenze professionali e che percorre a lungo cercando tracce di questi confini fisici e concettuali: a volte importanti e di riconosciuto valore storico-archeologico, a volte indizi secondari, minimali ma fortemente evocativi del concetto di confine.

Angela Capurso, dal volume Confini / Borders. © Angela Capurso.
Angela Capurso, dal volume Confini / Borders. © Angela Capurso.

Il volume non è un libro facile nella sua asciuttezza di sapore calvinista: perfino la rilegatura non concede nulla alla spettacolarità, chiusa nella rigida copertina scura cartonata che richiama volumi antichi destinati alla formazione pedagogica. L’impaginazione e il bookdesign, a cura di Alessandro Cirillo, tiene insieme i testi di varia lunghezza dell’autrice e le fotografie ─ a volte illustrative a volte più vicine al concetto di paesaggio così come è stato declinato nei decenni recenti dalla fotografia italiana ─ intervallando il regolare fluire del racconto con pagine in cui le fotografie sono frammentate in dettagli racchiusi in cerchi o altre figure geometriche.

Angela Capurso, dal volume Confini / Borders. © Angela Capurso.
Angela Capurso, dal volume Confini / Borders. © Angela Capurso.

I manufatti fotografati, alcuni conservati bene, altri pervasi dal decadimento, inseriti nei paesaggi dei pellegrinaggi di Capurso si dispiegano così arricchiti dai racconti dell’autrice che porta il lettore avanti e indietro nel tempo, evidenziando le linee marcate o invisibili dei confini come tracce di antiche dominazioni, guerre armate e conflitti vari che hanno segnato la storia del territorio.
«A lavoro concluso» chiosa Angela Capurso in una nota finale «se qualcuno dovesse chiedersi di cosa tratti questo libro, risponderei di qualcosa che non è più e allo stesso tempo non è ancora. […] Gli indistinti confini, per usare ancora un’espressione di Italo Calvino, si toccano, si mescolano e si intrecciano per annullarsi». [ Pio Tarantini ]

Confini / Borders di Angela Capurso, Edizioni Antezza.titolo: Confini / Borders
autore: Angela Capurso
photoediting, bookdesign e presentazione di Alessandro Cirillo
ISBN: 978-88-99670-02-3
formato: 25x20cm
copertina: doppia copertina in cartoncino e tessuto di cotone con serigrafia originale
pagine: 116
editore: Edizioni Antezza
prezzo: 30,00 € Carta Fedrigoni Symbol Tatami White 150g, Burgo Selena Ivory 120g; rilegato a mano; pubblicazione a tiratura limitata contrassegnata dalla firma dell’autrice
anno: 2016

Il volume verrà presentato sabato 20 maggio, alle ore 16,00, al Salone Internazionale del Libro di Torino presso il Padiglione 1, stand B08 – C07 di Lingotto Fiere. Con l’autrice Angela Capurso dialogherà Pio Tarantini.

_ _ _

[ RISORSE INTERNE ]
◉ [ FPart ]
FPart: la rubrica di Pio Tarantini

[ RISORSE ESTERNE ]
Angela Capurso
Edizioni Antezza
Salone internazionale del libro Torino
Fedrigoni

Friuli Venezia Giulia Fotografia 2017

pubblicità su FPmag



share

pubblicato in data 19-05-2017 in NOTIZIE / FPART

altro in FPART



notizie recenti

FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Glenda Cinquegrana, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano, Sara Zanini - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright