pubblicità su FPmag
MagnumPhotos HenriCartierBresson PalazzoDucaleGENOVA GAMpalermo DenisCurti

Henri Cartier-Bresson. Fotografo

Henri Cartier-Bresson, Prostitute. Calle Cuauhtemoctzin, Città del Messico, Messico 1934. © Henri Cartier-Bresson/Magnum Photos1 / 2       Henri Cartier-Bresson, Prostitute. Calle Cuauhtemoctzin, Città del Messico, Messico 1934. © Henri Cartier-Bresson/Magnum Photos.

Henri Cartier-Bresson, Place de l'Europe, Stazione Saint Lazare, Parigi, Francia 1932 © Henri Cartier-Bresson/Magnum Photos2 / 2       Henri Cartier-Bresson, Place de l'Europe, Stazione Saint Lazare, Parigi, Francia 1932 © Henri Cartier-Bresson/Magnum Photos.

Henri Cartier-Bresson. Fotografo

«Fotografare, è riconoscere un fatto nello stesso attimo ed in una frazione di secondo e organizzare con rigore le forme percepite visivamente che esprimono questo fatto e lo significano. È mettere sulla stessa linea di mira la mente, lo sguardo e il cuore». Non poteva essere che questa la citazione posta a cappello della mostra Henri Cartier-Bresson. Fotografo, in programma presso la Loggia degli Abati di Palazzo Ducale a Genova dall'11 marzo all'11 giugno 2017 (* cfr. Aggiornamento pubblicato a fondo alla pagina).

Il curatore dell'esposizione, Denis Curti, ha infatti ripreso una selezione di immagini particolarmente significative di Cartier-Bresson – curata in origine dall’editore e amico del fotografo Robert Delpire e realizzata in collaborazione con la Fondation Henri Cartier-Bresson – con l'intento di offrire anche agli appassionati di fotografia italiani una sorta di immersione totalizzante nel mondo del grande maestro francese. Un universo, quello di Cartier-Bresson, costellato di immagini ormai entrate nel nostro immaginario collettivo e in cui vita, passione, intuizione e professione si sono sempre mescolate, contaminate e sovrapposte.
«Per parlare di Henri Cartier-Bresson – spiega infatti Denis Curti – è bene tenere in vista la sua biografia. La sua esperienza in campo fotografico si fonde totalmente con la sua vita privata. Due episodi la dicono lunga sul personaggio: nel 1946 viene a sapere che il MOMA di New York intende dedicargli una mostra postuma, credendolo morto in guerra e quando si mette in contatto con i curatori, per chiarire la situazione, con immensa ironia dedica oltre un anno alla preparazione dell'esposizione, inaugurata nel 1947. Sempre nello stesso anno fonda, insieme a Robert Capa, George Rodger, David Seymour e William Vandivert la famosa agenzia Magnum Photos. Insomma, Cartier-Bresson è un fotografo destinato a restare immortale, capace di riscrivere il vocabolario della fotografia moderna e di influenzare intere generazioni di fotografi a venire».

Obiettivo del percorso espositivo genovese – composto da 140 immagini, prodotto da Civita Mostre in collaborazione con la Fondation Henri Cartier-Bresson e Magnum Photos Parigi, e promosso dal Comune di Genova, dalla Regione Liguria e da Palazzo Ducale. Fondazione per la Cultura – è dunque far conoscere il modus operandi di Henri Cartier-Bresson e, attraverso di esso, far luce sul percorso umano e professionale di un fotografo lucido, consapevole ed estremamente dotato, che grazie alla sua capacità di entrare in contatto con la realtà, alla sua precisione compositiva e al suo modo peculiare di guardare il mondo ha ridefinito la grammatica di questo linguaggio, segnato profondamente la storia della fotografia mondiale.

Henri Cartier-Bresson. Fotografo*
Palazzo Ducale, Loggia degli Abati, piazza Matteotti, 9 - Genova
11 marzo – 11 giugno 2017

orario: da martedì a domenica, ore 10,00 - 19,00 | chiuso il lunedì
ingresso: open 12,00 € | intero 10,00 € | ridotto 8,00 | ridotto speciale 3,00 € per scuole e giovani fino a 18 anni | ridotto speciale 5,00€ per giovani da 19 a 27 anni (ogni venerdì) e per tesserati CUS (tutti i pomeriggi feriali) | gratuito per minori di 6 anni, accompagnatori di persone disabili, giornalisti accreditati dall’ufficio stampa, guide turistiche, un accompagnatore per gruppo, due insegnanti accompagnatori per classe, membri ICOM | Biglietto integrato con la mostra Elliott Erwitt. Kolor: intero 15,00 €; cumulativo speciale scuole e giovani fino a 18 anni 5,00 €
info: 010 8171600/663
biglietteria@palazzoducale.genova.it | palazzoducale@palazzoducale.genova.it
www.palazzoducale.genova.it



_ _ _

(*) AGGIORNAMENTO DEL 17 OTTOBRE 2017, ore 17,00

La grande mostra dedicata Henri Cartier-Bresson e curata da Denis Curti sbarca a Palermo, nelle sale della GAM – Galleria d'Arte Moderna. La tappa siciliana dell'esposizione aprirà ufficialmente al pubblico sabato 21 ottobre 2017 e resterà in mostra fino al 25 febbraio 2018.
L'evento è organizzato da Civita Mostre in collaborazione con la Fondation Henri Cartier-Bresson e Magnum Photos Parigi ed è promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Palermo.


Henri Cartier-Bresson.
Fotografo
GAM – Galleria d'Arte Moderna, via Sant'Anna, 21 - Palermo
21 ottobre 2017 – 25 febbraio 2018

orario: da martedì a domenica, ore 9,30 - 18,30 | venerdì fino 22,30 | chiuso il lunedì
ingresso: intero 10,00 € | cumulativo mostra + visita alla GAM 12,00 € | ridotto 7,00 € per gruppi (min. 15 persone), visitatori tra i 19 e i 25 anni, maggiori di 65 anni, titolari di apposite convenzioni | gratuito per visitatori fino ai 18 anni, scolaresche (1 accompagnatore per classe), visitatori diversamente abili con accompagnatore, studenti dell’Accademia Belle Arti di Palermo, giornalisti, soci ICOM, guide turistiche
info: 091 8431605
info@gampalermo.it
www.mostracartierbresson.it


_ _ _

[ RISORSE INTERNE ]

[ mostre ] Elliott Erwitt. Kolor
[ mostre ] Buon compleanno Magnum!
[ lettura immagini ] Henri Cartier-Bresson | Un salto incompiuto

[ RISORSE ESTERNE ]
Magnum Photos
Henri Cartier-Bresson

Fondation Henri Cartier-Bresson
Palazzo Ducale. Fondazione per la Cultura
GAM – Galleria d'Arte Moderna

pubblicità su FPmag



share

pubblicato in data 25-02-2017 in NOTIZIE / MOSTRE

altro in MOSTRE



notizie recenti

FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Glenda Cinquegrana, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano, Sara Zanini - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright