ECHOPHOTOJOURNALISM KarlMancini Wastelands

Cerano... una volta l'acqua

1 / 4       Gli agricoltori della zona di Cerano sono costretti, a causa degli insediamenti industriali, a spostarsi fino al vicino paese di Tuturano per prendere dell'acqua. Le falde acquifere sono state inquinate dagli scavi per il passaggio sotterraneo del nastro trasportatore di carbone della Centrale Federico II. © Karl Mancini/Echo Photojournalism.

2 / 4       Le taniche utilizzate dagli agricoltori nella zona di Cerano per rifornirsi giornalmente di acqua. © Karl Mancini/Echo Photojournalism.

3 / 4       La fontanella di Tuturano dove gli abitanti del circondario di Cerano si riforniscono quotidianamente di acqua è in condizioni igieniche precarie, circondata com'è di immondizie. © Karl Mancini/Echo Photojournalism.

4 / 4       La posizione di Tuturano rispetto alla Centrale Federico II e alla città di Brindisi.

Cerano... una volta l'acqua

Alimentare una centrale termoelettrica a carbone implica che vi sia un approvvigionamento costante di combustile. A questo scopo è stato costruito dall'ENEL un nastro trasportatore della lunghezza di oltre 13Km, la cui realizzazione ha comportato scavi a una profondità di 20 metri per poterlo interrare. Questa operazione è andata a intaccare le falde acquifere superficiali, tanto è vero che gli abitanti del luogo ricordano che durante la costruzione era possibile sentire i rumori delle pompe che prosciugavano gli scavi. Per evitare ostacoli ai lavori, le falde superficiali sono state fatte defluire verso quelle più profonde per mezzo di perforazioni del terreno.
Le conseguenze si sono fatte vedere già all'inizio già all'inizio degli anni Novanta, quando i pozzi intorno a Cerano hanno iniziato a seccarsi costringendo gli agricoltori, che ovviamente non potevano fare a meno delle risorse idriche, a spingersi fino a 50 metri dalla superficie. Raggiungere queste profondità nella zona significa inevitabilmente pescare acqua salata. E utilizzarla per venti anni significa rendere i terreni improduttivi. Senza contare ovviamente che anche dai rubinetti delle case esce acqua salata.
Come se non bastasse le cisterne per la raccolta dell'acqua piovana – che con i pozzi hanno sempre costituito le risorse idriche tradizionali delle zona – risultano fortemente inquinate dalle polveri di carbone a quanto dichiarano gli abitanti della zona.
A tutt'oggi, la richiesta di una condotta di acqua potabile per le circa 200 persone che vivono nei dintorni di Cerano non è stata accolta, mentre la Centrale ne è fornita. Nella zona di Cerano tutti sono perciò ancora costretti a usare acqua il cui impiego è stato vietato per le piante, e a recarsi quotidianamente alla fontana pubblica di Tuturano per approvvigionarsi di acqua potabile. Non meno di cinque chilometri al giorno per poter bere. [ S. I. ]

_ _ _

[ RISORSE INTERNE ]
◉ [ appunti critici ] Quando la centrale non c'era
◉ [ video ] SS 613: l'intervista a Karl Mancini
◉ [ ongoing ] Wastelands di Karl Mancini

[ RISORSE ESTERNE ]
NAC blog
◎ Cerano... una volta l'acqua




share

pubblicato in data 15-01-2016 in Wastelands



nello stesso progetto



notizie recenti



FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright