Festival della Fotografia Etica 2016 | Lodi, 8-30 ottobre 2016.

Festival della Fotografia Etica 2016



ll Festival della Fotografia Etica è la manifestazione organizzata annualmente nel centro storico di Lodi dal Gruppo Fotografico Progetto Immagine.
La settima edizione, prevista nei weekend compresi tra l'8 e il 30 ottobre 2016, propone il consueto ricco calendario di mostre ed eventi, ma anche alcune novità di rilevo tese a rafforzare quella che da sempre è la mission del Festival, racchiusa nel sottotitolo: quando la fotografia parla alle coscienze.
In programma, diciotto esposizioni, due giornate di letture portfolio, molti incontri con fotografi e professionisti del settore e visite guidate, a cui si aggiungono le premiazioni dei vincitori del World.Report Award | Documenting Humanity 2016, le mostre dell'OFF - Fuori Festival 2016 e molto altro ancora.
FPmag è ancora un volta media partner dell'iniziativa e, attraverso questa pagina, vi racconterà il Festival della Fotografia Etica 2016 dal proprio punto di vista.

In copertina: (al centro) © Sadegh Souri, (da sinistra in senso orario) © Paolo Woods e Gabriele Galimberti, © Dmitrij Leltschuk (2), © Elena Chernyshova

MOSTRE

Khatereh ha 13 anni. Suo zio abusava di lei, pertanto ha deciso di scappare di casa. Una settimana dopo, alcuni giovani l’hanno aggredita in un parco di Teheran ed ha subito uno stupro di gruppo. Per salvarsi si è ferita il braccio con un coltello. Gli ufficiali di polizia l’hanno trovata in stato d’incoscienza, riversa a terra. Dopo i primi soccorsi, è stata trasferita al centro di correzione minorile. Verrà rilasciata dopo 2 mesi e potrà tornare a casa. © Sadegh Souri. Khatereh ha 13 anni. Suo zio abusava di lei, pertanto ha deciso di scappare di casa. Una settimana dopo, alcuni giovani l’hanno aggredita in un parco di Teheran ed ha subito uno stupro di gruppo. Per salvarsi si è ferita il braccio con un coltello. Gli ufficiali di polizia l’hanno trovata in stato d’incoscienza, riversa a terra. Dopo i primi soccorsi, è stata trasferita al centro di correzione minorile. Verrà rilasciata dopo 2 mesi e potrà tornare a casa. © Sadegh Souri.

Waiting Girls Il lavoro di Sadegh Souri documenta la segregazione carceraria femminile in Iran. Un reportage di elevata qualità, che ha gli ha permesso di conquistare lo Short Story Award 2016. Ecco come ce lo ha raccontato in occasione della sua visita al Festival della Fotografia Etica 2016
MOSTRE

Chappaqua, New York. Marzo 2013. Howie e Laurel Borowick si abbracciano nella loro camera da letto. Nel loro 34° anno di matrimonio non avvrebbero mai potuto immaginare di essere contemporaneamente affetti da tumore allo stadio IV. © Nancy Borowick. Chappaqua, New York. Marzo 2013. Howie e Laurel Borowick si abbracciano nella loro camera da letto. Nel loro 34° anno di matrimonio non avvrebbero mai potuto immaginare di essere contemporaneamente affetti da tumore allo stadio IV. © Nancy Borowick.

A Life in Death È una storia privata quella raccontata da Nancy Borowick. Una storia toccante, che attraversa i territori della memoria svelandone il prezioso portato. Ecco cosa ci ha raccontato in occasione dell'apertura della sua mostra
FPART

Sarajevo, Bosnia, 18 marzo 1996. L'ultimo giorno dell'assedio. «Per effetto degli accordi Dayton Sarajevo passa sotto il controllo dell'esercito bosniaco. Tutti serbi si ritirano verso la Republica Srpska e danno alle fiamme le loro case affinché non cadano nelle mani di un musulmano. Nella foto un abitante del quartiere di Grbavica, membro di una famiglia mista, cerca di salvare la sua casa dalle fiamme. La stanza da cui escono le lingue di fuoco era quella in cui dormivo. Avevo scelto di vivere con una famiglia mista perché era quella che rappresentava ancora lo spirito della Jugoslavia di Tito». © Livio Senigalliesi. Sarajevo, Bosnia, 18 marzo 1996. L'ultimo giorno dell'assedio. «Per effetto degli accordi di Dayton Sarajevo passa sotto il controllo dell'esercito bosniaco. Tutti serbi si ritirano verso la Republica Srpska e danno alle fiamme le loro case affinché non cadano nelle mani di un musulmano. Nella foto un abitante del quartiere di Grbavica, membro di una famiglia mista, cerca di salvare la sua casa dalle fiamme. La stanza da cui escono le lingue di fuoco era quella in cui dormivo. Avevo scelto di vivere con una famiglia mista perché era quella che rappresentava ancora lo spirito della Jugoslavia di Tito». © Livio Senigalliesi.

Effetti collaterali È l’altra faccia della guerra quella raccontata nelle immagini dei reportage di Livio Senigalliesi, inserita a Lodi nell'ambito del Circuito OFF del Festival della Fotografia Etica 2016
MOSTRE

Nella religione ortodossa per accedere al sacerdozio è necessario di-ventare prima monaco oppure sposarsi. Vladimir si sposa con Vittoria; entrambi hanno frequentato la comunità alcuni anni prima. Dalla serie Isle of Salvation di Francesco Comello, vincitore del World.Report Award 2016, categoria Spot Light Award. © Francesco Comello. Nella religione ortodossa per accedere al sacerdozio è necessario di-ventare prima monaco oppure sposarsi. Vladimir si sposa con Vittoria; entrambi hanno frequentato la comunità alcuni anni prima. Dalla serie Isle of Salvation di Francesco Comello, vincitore del World.Report Award 2016, categoria Spot Light Award. © Francesco Comello.

Istantanee di un'utopia Il lavoro "Isle of Salvation" di Francesco Comello ha vinto lo Spot Light Award nell'ambito del World.Report Award 2016. Le parole dell'autore e qualche appunto critico sul lavoro esposto, in occasione del Festival della Fotografia Etica, presso Palazzo Barni a Lodi
MELTINGPOT

Durante una visita guidata allo Spazio Tematico Le vite degli altri, realizzato con il sostegno di Fujifilm Italia, nell'ambito del Festival della Fotografoia Etica 2016. © FPmag. Durante una visita guidata allo Spazio Tematico Le vite degli altri, realizzato con il sostegno di Fujifilm Italia, nell'ambito del Festival della Fotografoia Etica 2016. © FPmag.

Fujifilm Italia e la cultura dell'immagine Per il terzo anno consecutivo Fujifilm Italia sostiene lo Spazio Tematico all'interno del Festival della Fotografia Etica, ma quest'anno propone anche una serie di iniziative e incontri molto interessanti
EVENTI

© Aaron HueyDei giovani della tribù degli Oglala espongono la bandier a a testa in giù – segnale di richiesta d’aiuto, ma anche gesto di sfida contro il governo USA – durante una manifestazione per commemorare lo scontro in cui, nel 1975, morirono due agenti dell’FBI e un militante dell’American Indian Movement (AIM). L’attivista Leonard Peltier fu condannato all’ergastolo. © Aaron Huey

Festival della Fotografia Etica 2016 Una panoramica sulla VII edizione del Festival della Fotografia Etica, al via l'8 ottobre a Lodi. Tra mostre, incontri, letture portfolio ed eventi all'insegna della grande fotografia internazionale. Fino al 30 ottobre 2016
CONCORSI

FFE2016 – © Sadegh SouriMasha ha 17 anni. Si era innamorata di un ragazzo ed intendeva sposarlo, ma suo padre si era opposto. Un giorno hanno litigano e lei e sua madre hanno deciso di ucciderlo. Mahsa lo ha colpito con un coltello da cucina. I suoi fratelli hanno chiesto la condanna a morte o l’applicazione della legge del taglione per lei e sua madre. © Sadegh Souri.

World.Report Award 2016: i vincitori Annunciati i vincitori del World.Report Award | Documenting Humanity 2016. Ecco i loro nomi e le motivazioni della giuria

share

FPmag

direttore responsabile Sandro Iovine | sandro.iovine@fpmagazine.eu - caporedattore Stefania Biamonti | stefania.biamonti@fpmagazine.eu - web developer Salvatore Picciuto | info@myphotoportal.com - coordinamento linguistico Nicky Alexander - traduzioni Nicky Alexander, Rachele Frosini - collaboratori Davide Bologna, Mimmo Cacciuni Angelone, Glenda Cinquegrana, Laura Marcolini, Stefano Panzeri, Pio Tarantini, Salvo Veneziano, Sara Zanini - referente per il Lazio Dario Coletti - referente per la Sardegna Salvatore Ligios - referente per la Sicilia Salvo Veneziano - redazione via Spartaco, 36 20135 Milano MI | redazione@fpmagazine.eu - tel. +39 02 49537170 - copyright © 2015 FPmag - FPmag è una pubblicazione Machia Press Publishing srl a socio unico - via Cristoforo Gluck, 3 20135 Milano MI | P.I. 07535000967 - C.F. 07535000967 - Registrazione del Tribunale di Milano n. 281 del 9 settembre 2014

about | newsletter | cookies, privacy, copyright